Gli insetti stanno scomparendo in tutto il mondo: le cause sono allarmanti

Sono diverse le minacce che stanno mettendo in serio rischio di sopravvivenza tante creature fondamentali alla vita degli ecosistemi

Uno studio condotto da alcuni ricercatori di Londra dimostra come, ad oggi, molte specie di insetti stiano scomparendo in ogni parte del mondo. Le cause sono diverse e fanno riferimento principalmente alla crisi climatica e all’agricoltura intensiva.

Gli insetti stanno scomparendo in tutto il mondo: le cause sono allarmanti

Molti insetti in diverse parti del mondo sembrano essere a rischio estinzione a causa di fattori determinati in buona parte dall’uomo. A dimostrarlo sarebbe un recente studio condotto dai ricercatori dell’University College di Londra.

Una minaccia incombente a cui troppo spesso non si presta attenzione ma potrebbe rischiare di far scomparire interi ecosistemi che devono la loro sopravvivenza solo all’esistenza di una variegata biodiversità. Piante e animali, infatti, sono fondamentali per la vita sulla Terra di ogni creature vivente, essere umano compreso.

Il rischio per gli ecosistemi

La sopravvivenza degli ecosistemi sembra essere fortemente in crisi; a rivelarlo uno studio condotto dall’University College di Londra che ha dimostrato come molte specie di insetti stiano scomparendo in diverse parti del mondo. Le minacce principali arrivano su più fronti; emergenza climatica e agricoltura intensiva, tuttavia, ne rappresentano la causa principale. In questa ricerca, per la prima volta, sono messi in relazione il riscaldamento climatico e l’utilizzo del suolo con l’estinzione di molti animali e la perdita di porzioni consistenti di biodiversità.

Sono tante le specie a rischio e secondo lo studio emerge che molti insetti sono vulnerabili alle pressioni umane; questo risulta ancora più problematico se si considera come la crisi climatica stia portando conseguenze sempre più importanti all’interno degli ecosistemi. Quello che tendono a sottolineare i ricercatori è, dunque, l’urgenza di agire in funzione del bene del Pianeta; riducendo l’agricoltura intensiva e le emissioni nell’atmosfera.

Gli insetti a rischio

I ricercatori hanno esaminato oltre 750.000 campioni appartenenti a circa 18.000 specie distinte di insetti. Incrociando poi i dati con quelli relativi all’agricoltura intensiva e al riscaldamento globale i risultati emersi sono chiari e allarmanti. Ad esempio, nelle aree con agricoltura molto intensa e con un alto livello di riscaldamento climatico gli insetti sono inferiori del 49% rispetto alle aree meno colpite dalle elevate temperature. Sono le aree tropicali ad aver registrato il maggior numero di calo della biodiversità; qui il cambiamento climatico e lo sfruttamento del suolo sono risultati più elevati.

Dallo studio è emerso, inoltre, che nelle aree meno interessate da coltivazioni intensive, ma comunque colpite dalle alte temperature, il calo del numero di insetti è risultato inferiore. Nello specifico se nelle aree con tre quarti di terreno non coltivato la biodiversità persa è del 7%, nelle aree in cui solo un quarto di suolo è incolto la scomparsa degli insetti è pari al 63%. Si tratta di dati drammatici che rappresentano un danno enorme alla biodiversità, ma che sono destinati a procurare effetti sugli altri esseri viventi; la perdita degli insetti impollinatori, ad esempio, potrebbe essere causa della perdita di colture indispensabili alla nostra alimentazione. Di fronte a tutto questo, l’urgenza di mettere in atto provvedimenti efficaci non può più attendere.

Insetto fiore

LEGGI ANCHE: Giornata Internazionale per la salvaguardia delle Rane: anche gli anfibi hanno bisogno di protezione

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.