Giornata Mondiale dei Pinguini: le conseguenze del cambiamento climatico

Una ricorrenza dedicata ad una specie che rischia l’estinzione a causa di varie minacce, molte delle quali causate dall’uomo

Buffi, spesso romantici e incredibilmente affascinanti, i pinguini sono, ad oggi, una famiglia animale che rischia di scomparire. Sono diverse le ricerche scientifiche che dimostrano come inquinamento, riscaldamento globale e molteplici attività umane stanno mettendo in pericolo un uccello di cui, attualmente, resistono solo venti specie. La Giornata Mondiale dei Pinguini nasce proprio per accendere i riflettori su questa condizione.

Giornata Mondiale dei Pinguini: le conseguenze del cambiamento climatico

Si celebra il 25 aprile a livello globale ed è atta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle minacce che incombono su queste creature che abitano principalmente l’Antartide; la Giornata Mondiale dei Pinguini nasce infatti a scopo divulgativo e per rendere noti i rischi che incombono su queste specie e devono essere arginati.

Inquinamento, la pesca intensiva a cui si aggiunge (anche come conseguenza) la scarsità di cibo in natura, sono alcune delle minacce per i pinguini. A queste si addizionano tutti i pericoli derivati dai cambiamenti climatici e dal surriscaldamento globale.

pinguino acqua

I pinguini nella Lista Rossa delle specie a rischio

Attualmente si contano meno di venti specie diverse di pinguini distribuiti su tutta la Terra; conseguenza delle varie minacce che hanno portato questi uccelli marini a rientrare nella Lista Rossa delle specie a rischio estinzione della IUCN. E se i rischi causati dall’uomo come l’inquinamento e la pesca intensiva hanno già causato molti danni alle popolazioni dei pinguini, oggi anche il cambiamento climatico in atto rappresenta una minaccia pressante. Ad essere particolarmente minacciato è il Pinguino Imperatore, la specie più grande presente sul Pianeta; ma le altre specie non appaiono esonerate dai pericoli.

Come ogni Giornata Mondiale dedicata agli animali tende a ricordare, la salvaguardia di ogni specie presente sulla Terra è fondamentale per la sopravvivenza di interi ecosistemi; i pinguini, ovviamente, non fanno eccezione. Tuttavia, questi uccelli sembrano particolarmente in pericolo anche secondo quanto riferisce uno studio pubblicato a marzo 2021 su Geophysical Research Letters. Dalla ricerca si evincono, in particolare, gli esiti negativi del cambiamento climatico. L’aumento e l’intensità della pioggia nell’Antartide, infatti, è in grado di accelerare la riduzione dei ghiacciai; procurando nello specifico l’erosione o la fratturazione idrica causata dallo scioglimento. Questo mette a rischio gli ecosistemi e la fauna locale, compreso il Pinguino Imperatore.

Gli effetti dello scioglimento dei ghiacciai

Il Pinguino Imperatore dipende dal ghiaccio stabile, soprattutto durante il periodo riproduttivo; di conseguenza, come si legge in un articolo del WWF: “La formazione tardiva, lo scioglimento precoce o persino la mancata formazione del ghiaccio marino, riduce fortemente le possibilità di successo riproduttivo e la sopravvivenza della specie nelle aree di riproduzione“. Non solo, la riduzione dei ghiacci mette a rischio anche i giovani pinguini, costringendoli ad entrare in acqua quando non sono ancora pronti e rischiando dunque di morire. La situazione, attualmente, appare piuttosto allarmante; sono diverse, infatti, le colonie di pinguini a rischio di sopravvivenza proprio come conseguenza della scomparsa dei loro habitat naturali.

Secondo i ricercatori dello studio pubblicato su Geophysical Research Letters l’aumento medio delle temperature potrebbe portare ad una riduzione del circa 50% delle colonie di pinguini, attualmente, presenti in Antartide. A fronte di questo, dunque, è fondamentale muoversi per la salvaguardia di queste creature. Progetti di pesca sostenibile e la promozione di aree protette, sono attività indispensabili, come sostiene anche il WWF. A queste vanno associate economie che non si basino sul carbonio, ma che tendano a ridurre il più possibile le emissioni; solo in questo modo si potranno proteggere gli ecosistemi e prevenire conseguenze irrimediabili alla flora e alla fauna.

pinguino

LEGGI ANCHE: Le 5 cose che i gatti non sopportano assolutamente

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.