Spari contro i gatti nella notte: aggressioni e vittime innocenti

Una triste storia arriva da Marina Romea, dove da tempo si verificano aggressioni che lasciano vittime innocenti. Diversi sono stati gli episodi di spari contro i gatti nella notte. Già dallo scorso giugno, casi di denuncia, tra questi il gatto Ugo. L’associazione Clama, che si occupa di incentivare le adozioni degli ospiti a quattro zampe del canile di Ravenna, l’estate scorsa, aveva denunciato l’aggressione a colpi di arma da fuoco subita dal gattone Ugo. Le volontarie dell’associazione aveva spiegato: “Purtroppo la sua famiglia ci ha contattato con una brutta notizia: Ugo non torna a casa dal 30 ottobre, e si teme il peggio. Ugo era abituato a gironzolare la notte nei pressi della sua casa, e sono stati vani i tentativi della famiglia di tenerlo chiuso al sicuro”.

Purtroppo, quello che fa temere che Ugo sia stato preso di mira ancora una volta dalle armi ad fuoco, è la storia di Oblak. La sua famiglia infatti, come raccontano le volontarie del Clama, ha denunciato l’aggressione ai danni del felino di casa. Le volontarie raccontano che Oblak: ” E’ tornato a casa sanguinante sabato 27 ottobre con un grosso foro nel dorso. Le lastre hanno confermato la presenza di un proiettile nella coscia e uno nel polmone. Il veterinario ha tentato un intervento disperato, ma per Oblak non c’è stato nulla da fare“.

Tanti casi di gatti scomparsi

Cosa spinga, gli esseri umani a compiere gesti talmente inauditi, non è chiaro. Di certo meno che mai giustificabile. A seguito del triste evento che ha coinvolto Oblak, la sua famiglia ha denunciato il caso ai Carabinieri. Le volontarie di Clama, hanno raccontato: “Ci riferiscono che nella zona di viale dei Tigli e viale delle Palme, dietro piazza Italia a Marina Romea, in questi mesi sono spariti anche altri gatti liberi. Qualche delinquente senza scrupoli si sta ‘divertendo’ a sparare ai gatti. Già due denunce sono state depositate e ora attediamo gli esiti delle indagini. Con la speranza che il colpevole vengo individuato con ogni mezzo e condannato alla massima pena prevista per il tipo di reato gravissimo”.

L’appello dell’associazione Clama

Le volontarie che si stanno occupando di questa triste realtà, sono intenzionate a sensibilizzare l’opinione pubblica. Inoltre l’associazione Clama, lancia un appello accorato a tutti i cittadini, con la speranza di poter trovare pace per i poveri gatti indifesi. Le volontarie hanno infatti dichiarato: “Esortiamo i residenti in zona a prestare attenzione e a riferire alle forze dell’ordine ogni informazione utile a individuare il colpevole di gesti tanto efferati quanto incomprensibili. Raccomandiamo anche di tenere sempre i propri animali al sicuro in casa il più possibile, almeno fino a quando non si risolverà questa terribile emergenza“.

LEGGI ANCHE: CRUDELTA’ E VIOLENZA VERSO I RANDAGI: ACCORATO APPELLO DEL MINISTRO MICHELA VITTORIA BRAMBILLA “SALVIAMOLI SUBITO”

LA STORIA SCONVOLGENTE DI DIMITRI: PRIMA “SPEZZATO” POI CONOSCE L’AMORE

SALVA UN GATTO FERITO: QUELLO CHE FA L’ANIMALE DOPO E’ SORPRENDENTE

Commenti

comments