Esiste un concorso per il “Mollusco dell’anno”: nel 2022 vince specie di lumaca (dipinta)

Si tratta della seconda edizione di questa ‘kermesse’ che premia le creature più singolari appartenenti a tale famiglia

Il concorso Mollusco dell’anno è indetto dalla Senckenberg Nature Research Society, dal LOEWE Center for Translational Biodiversity Genomics (TBG) e dalla società mondiale per la ricerca sui molluschi (Unitas Malacologica); si trova alla sua seconda edizione e quest’anno, 2022, ha premiato una particolarissima specie di lumaca.

Esiste un concorso per il “Mollusco dell’anno”: nel 2022 vince specie di lumaca (dipinta)

Apparentemente insolito il concorso Mollusco dell’anno è nato per aumentare la consapevolezza sull’esistenza di molte creature. Sono tanti, infatti, gli animali di cui oggi si ignora l’esistenza; a fronte di questo, diversi ricercatori, esperti e biologi, hanno pensato di portare alla luce le caratteristiche di alcune specie, proprio attraverso la ‘kermesse’.

Si tiene per la sua seconda edizione ed è stato indetto dalla Senckenberg Nature Research Society, dal LOEWE Center for Translational Biodiversity Genomics (TBG) e dalla società mondiale per la ricerca sui molluschi (Unitas Malacologica); ha coinvolto, inoltre, un comitato di ricercatori delle istituzioni organizzatrici per selezionare cinque finalisti partendo da 50 nomination iniziali.

L’obiettivo del concorso

Gli istituti di ricerca, che hanno pensato di istituire il concorso Mollusco dell’anno nel 2020, hanno tenuto a ribadire come l’origine di questa iniziativa sia tutt’altro che futile. L’idea di questa ‘kermesse’ nasce, infatti, per aumentare la consapevolezza relativa alla grandissima biodiversità che appartiene ai molluschi; si tratta di animali la cui famiglia si estende per mare e terra attraverso centinaia di diverse caratteristiche distintive.

Lumaca Dipinta
Lumaca Cubana Dipinta

Il vincitore designato per l’anno 2022 è Lumaca Cubana Dipinta; eletta da un pubblico internazionale che ha espresso la propria preferenza tra le alternative che comprendevano i cinque finalisti. Tre specie di lumache, una specie di cozze e uno scafopode; tutte le parti interessate sono state invitate a votare dal 24 febbraio al 15 marzo attraverso una piattaforma telematica. I votanti, provenienti da 148 paesi diversi, hanno scelto la Polymita picta; questa specie di mollusco ha ricevuto, infatti, ben 10.092 voti che hanno rappresentato una vittoria schiacciante.

Dettagli sul mollusco vincitore

Dopo la vittoria la Lumaca Cubana Dipinta sarà analizzata tramite sequenziamento del genoma presso il LOEWE Center TBG. Questa specie di mollusco è nota per la colorazione singolare del suo guscio, oltre che per l’insolita tecnica di accoppiamento. Queste lumache sono ermafroditi e creano dei gypsobelum, sorta di frecce affilate, che sono utilizzate proprio durante la fase del corteggiamento e pare favoriscano la sopravvivenza degli spermatozoi.

Si tratta di una specie che, purtroppo, è considerata in pericolo di estinzione a causa di diversi fattori; bracconaggio e perdita dell’habitat naturale sono tra le principali minacce. Lo studio del genoma di questo animale potrebbe portare, dunque, oltre che a conoscere la base genetica anche, magari, a recuperare misure efficaci per poter preservare la specie.

Lumaca Cubana Dipinta

LEGGI ANCHE: MIMMO di 2.8 design for dogs: giochi per cani con materiali di recupero

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.