NewsPrimo Piano

La protesta di AIDAA contro la nuova gabbia per gatti: “Oggetto di tortura”

L'associazione animalista s'indigna di fronte alla messa in commercio di uno strumento per lavare i felini

Secondo quanto si apprende dal comunicato ufficiale lanciato da AIDAA, le dimensioni di una nuova gabbia per gatti non rispecchiano le misure di tutela dell’animale. L’associazione animalista, che da sempre ha a cuore i diritti di tutte le creature, s’indigna di fronte al nuovo strumento messo in commercio da un colosso cinese che dovrebbe agevolare ai proprietari la pulizia del proprio micio. Un oggetto che L‘Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente definisce “di tortura“. Una gabbia “minuscola” (45 x 12,5x 25 cm) dove “rinchiudere” i felini domestici per lavarli.

La nota di AIDAA: “Istigazione al maltrattamento

Già, in commercio nella grande distribuzione e in diversi siti internet, l’oggetto è fortemente contestato dall’AIDAA che ne richiede il ritiro immediato. Secondo l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente si tratterebbe di “uno strumento pericoloso che produce un forte stress ai gatti chiusi in quella struttura in acciaio per diversi minuti; che è possibile tranquillamente intendere come strumento di maltrattamento di animali“. La richiesta dell’AIDAA sembra chiara; come si legge in una nota diffusa dall’associazione: “La gabbia è di dimensioni piccolissime rispetto alla grandezza media di un gatto. Invitiamo le aziende che la commercializzano a toglierla dal mercato con effetto immediato e stiamo valutando una denuncia contro di esse per istigazione al maltrattamento di animali“.

Oltre a non rispettare la natura dei felini, che in genere provvedono alla loro igiene in maniera autonoma, questo strumento potrebbe essere in grado di arrecare danni alla salute del gatto. Per l’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente risulta inconcepibile vendere e aggiungere nei cataloghi di prodotti per animali un oggetto simile. Lo strumento che si presenta come un possibile supporto per i proprietari, sembra non rispettare particolarmente le esigenze dell’animale; questo quanto si evince dal comunicato diffuso da AIDAA.

LEGGI ANCHE: Pamela Anderson scrive una lettera a Boris Johnson: “Salviamo gli orsi”

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy