Giornata Mondiale dell’Orango: urge salvare la specie

Una ricorrenza atta a ricordare l’importanza di preservare una specie che rischia di scomparire per sempre

Il 19 agosto si celebra la Giornata Mondiale dell’Orango; ricorrenza, istituita dall’Onu, atta a tenere accesa la luce sull’importanza di preservare una specie a rischio. Lo scorso anno (2020) Leif Cocks, fondatore e presidente di The Orangutan Project, aveva dichiarato a Mongabay che tutte le tre specie di primate (Sumatra, Borneo e Tapanuli) rischiano di estinguersi e anche l’Onu aveva condiviso lo stesso allarme. Purtroppo ancora oggi la situazione sembra non essere migliorata.

Giornata Mondiale dell’Orango: urge salvare la specie

Se un secolo fa gli orango che popolavano la Terra erano circa 230mila, oggi gli esemplari rimasti sono meno della metà. A minacciare tutte le tre specie diversi aspetti, tra questi la riduzione degli habitat; per fare spazio alle piantagioni di palme da olio, ad esempio, molti esemplari sono stati costretti a spostarsi verso aree agricole, dove diventano, spesso, vittime dei cacciatori illegali. I cuccioli, in particolare, sono catturati e venduti (sempre illegalmente) come animali domestici; ed infine a rendere vulnerabile la sopravvivenza degli orango, anche il cambiamento climatico.

Salvare gli orango

La deforestazione, con la conseguente riduzione degli habitat è stata di proporzioni consistenti nel Borneo; secondo quanto riportato dal sito del WWF, UN Environment Programme, (UNEP), ha affermato che: “Il tasso di deforestazione del Borneo è stato tra i più alti al mondo da oltre due decenni e il 56% delle foreste tropicali protette di pianura è andato perso tra il 1985 e il 2001. Se la deforestazione nel sud-est asiatico continuerà, entro il 2030 andrà perso l’incredibile 75% della foresta originale”. Il che vorrebbe dire annientare definitivamente le popolazioni di orango. Proprio per questo sono nate diverse iniziative per preservare questa specie fortemente a rischio, come i il programma Species Action Plan for orangutans del WWF.

Tuttavia, il lavoro da fare è tanto e il tempo a disposizione non moltissimo; se non si attiva un’azione urgente gli orango potrebbero estinguersi, addirittura, entro 10 anni. Celebrare una giornata a livello internazionale appare, dunque, quantomeno doveroso; se non altro per ricordare quanto la perdita di ogni singola specie rappresenta un danno per l’intero Pianeta.

LEGGI ANCHE: 60° Premio Fedeltà del Cane: vince Amon, il Chihuahua che ha vegliato per 80 ore la sua proprietaria

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.