AddestramentoPrimo Piano

Addestrare un cane Corso: come interagire con un “gigante” a quattro zampe

Le tecniche adeguate per un cane di grossa taglia

In presenza di un cane di grossa taglia, come il Corso, l’addestramento potrebbe diventare più complicato ma non di certo impossibile. I molossoidi possono richiedere, spesso, più pazienza durante la fase delle prime interazioni, ma con le giuste tecniche anche un quattro zampe forte e indipendente potrà essere educato. Il segreto è fare in modo che l’animale non usi la sua forza per prevalere sul proprietario.

Il Corso è un cane molto intelligente, ma la sua forte personalità potrebbe allungare le fasi dell’addestramento. Le maniere più adeguate sono sicuramente quelle decise, ma mai aggressive; il quattro zampe deve imparare a rispettare il suo proprietario, ma non averne paura. È importante che il tono dei comandi sia fermo, ma tranquillo; se il cane esegue il comando è sempre bene premiarlo con una carezza o un biscotto. In caso di punizioni, invece, non bisogna mai fare male all’animale, ma solo fargli capire che si è contrariati, magari con un rimprovero.

Alcuni comandi per il cane Corso

Il primo comando è “Vieni“; esso deve essere accompagnato dal nome del cane, ma si deve presentare come una sorta di ordine e non come una domanda o una dolce richiesta. Provare tante volte, finché il Corso non correrà dal suo proprietario, ed allora premiarlo. Un secondo comando utile potrebbe essere “Seduto“; in questo caso è utile tenere un bocconcino in mano e poi premendogli leggermente la groppa, pronunciare la parola. In alternativa si può alzare la mano con il bocconcino ,tenendo l’indice rivolto verso il suolo; anche in questo caso, premi e carezze sono sempre consigliati. Un’accortezza da tenere presente, durante le fasi d’addestramento di un cane Corso e sempre nella convivenza con questi esemplari, è relativa al cibo; questi quattro zampe, infatti, dovrebbero mangiare sempre dopo il proprietario e non gli si dovrebbero mai togliere i pasti principali, poiché questo lo renderebbe aggressivo.

LEGGI ANCHE: Come rendere uno scoiattolo giapponese un animale domestico: abituarlo alla lettiera e alla gabbietta

Back to top button
Privacy