AddestramentoPrimo Piano

Come educare un Dobermann: l’età giusta per i iniziare e i primi comandi

Ogni quattro zampe può essere addestrato, l'importante è saper seguire i metodi opportuni

Al di là della sua stazza e della fama che, spesso, lo precede il Dobermann è un cane estremamente affettuoso, in grado di legarsi molto alla sua famiglia. Tuttavia, proprio per le sue dimensioni importanti e per il suo temperamento, spesso, deciso e indipendente, questo quattro zampe (come del resto ogni specie) ha bisogno di un programma d’addestramento preciso e regolare per poter essere un cane educato.

Si parla spesso dei Dobermann come di cani aggressivi e pericolosi; ma, in realtà, questi quattro zampe sanno essere estremamente docili, anche se molto dipende dalla loro educazione. Affinché un Dobermann riceva un giusto programma di addestramento è bene partire già quando il cane è cucciolo; un giovane risulta, infatti, più facile da educare ed inoltre, ogni insegnamento sarà utile per essere un cane adulto sano e felice.

Primi comandi da insegnare ad un Dobermann

I Dobermann sono molti leali verso la loro famiglia e proprio per questo non è difficile addestrarli; prima di iniziare un programma di educazione è importante fare capire al cane che il “capobranco” è il suo proprietario e quindi non far mancare i rimproveri, pacati ma decisi; ma insieme ai rimproveri non devono mancare le ricompense, che faranno capire al quattro zampe quando si sta comportando nella maniera corretta. Il primo passaggio utile per addestrare un Dobermann e farlo socializzare; tenerlo al guinzaglio, ma lasciare che si avvicini poco per volta ad altri cani e poi altri animali. Importante non fare pressioni e saper agire prontamente quando il cane non si sente predisposto. Per quanto riguarda i comandi, i primi con cui partire sono senza dubbio i più semplici: Seduto è il primo in assoluto e il quattro zampe potrebbe impararlo anche in pochi giorni. Ad ogni modo è importante ricordare che ogni animale ha i suoi tempi di apprendimento; pressioni, attacchi di ira o costrizioni faranno solo sortire effetti negativi. Pazienza e costanza sono invece alla base di ogni processo di addestramento.

LEGGI ANCHE: Educare un gatto al guinzaglio: consigli utili per le passeggiate in sicurezza

Back to top button
Privacy