CuriositàPrimo Piano

Perché le rondini volano basse? Dipende dal clima e dalla loro alimentazione

Esperte di meteorologia o semplicemente affamate? Ecco cosa spinge le rondini a spostarsi a bassa quota

Le rondini sono state sempre considerate delle “meteorologhe” eccezionali, proprio perché dall’altezza del loro volo pare sia possibile capire se sia in arrivo il maltempo; tuttavia, il motivo che le spinge a volare basse non dipende solo dalla pioggia, ma piuttosto dal loro bisogno, quasi incessante, di nutrirsi. Il principale nutrimento di questi uccelli sono insetti che catturano in volo, ma quando il clima diventa più umido la caccia subisce delle modifiche.

Ciò che spinge le rondini a volare basse non è il clima in sé, ma il comportamento delle prede che si devono adattare alle mutazioni atmosferiche. Molti insetti, infatti, sono influenzati dall’umidità e dalla pioggia; l’aumento della pressione atmosferica li porta a spingersi verso terra. In sostanza, dopo l’aumento della pressione, l’aria inizia ad assorbire piccole gocce d’acqua e questa umidità si poggia sulle ali e i corpi degli insetti appesantendoli; non riuscendo più a volare in alto, quindi, rimangono sulla superficie in cerca di un rifugio. Il volo delle rondini dipende, dunque, da quello degli insetti.

Curiosità sul volo delle rondini

Le rondini sono in grado di assorbire cibo pari a circa dodici volte il loro peso corporeo; questo significa che questi uccelli sono alla costante ricerca di insetti. Quando la prede si abbassa verso il suolo, appesantita dall’umidità, la rondine la segue a ruota. Quindi si potrebbe dire che ad annunciare l’arrivo della pioggia siano più gli insetti che le rondini, ma il comportamento dei volatili ne è una diretta conseguenza. A questa particolarità legata al volo se ne accompagna un’altra che riguarda però il rondone; “parente” delle rondini ma appartenente all’ordine degli Apodiformi e non a quello dei Passeriformi. Questi uccelli, oltre a volare basso in cerca di prede, non toccano mai il suolo; infatti, le ali lunghe e le zampe piccole, se da un lato gli permettono di volare rasi al terreno, dall’altro non gli rendono possibile spiccare il volo da terra.

LEGGI ANCHE: Perché i bradipi sono lenti? Dipende dall’alimentazione e da un’insolita tecnica di difesa

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy