NewsPrimo Piano

La storia commovente del gattino senza occhi: inizia a “vedere” in un modo speciale

La voglia di vivere di Muppet lo aiuta a vedere anche senza occhi

Il protagonista di questa vicenda commovente è un gatto nato senza occhi a causa di una malformazione congenita. Ma nonostante questo invalidante problema, il micio riesce a “vedere” in maniera davvero speciale. Il felino, chiamato Muppet, è stato trovato per caso da un volontario che stava soccorrendo un altro randagio. L’uomo racconta di aver sentito un forte miagolio e di essere rimasto stupito quando si è accorto di quanto il micino fosse piccolo ma pieno di grinta.

La notizia arriva dal Texas e a prendersi cura del gatto nato senza occhi è stata Audrey, una sostenitrice del Murphy’s Safe Haven di Edinburg. La donna si è accorta che, dato il suo problema, il micio aveva immediato bisogno di cure mediche; così ha cercato qualcuno che potesse visitarlo e aiutarlo. I veterinari che hanno controllato Muppet hanno scoperto che il micio, non era privo solo di bulbi oculari e palpebre, ma aveva anche il labro leporino, una palatoschisi ed era idrocefalo; ma nonostante tutto: una gran voglia di vivere.

Le cure “miracolose” per il gatto nato senza occhi

Dopo aver individuato le varie patologie del micino, Muppet ha passato un periodo all’interno di un’incubatrice e nutrito ogni due ore con un tubicino; oltre ad un sostegno fornito dall’ossigeno in grado di facilitare la respirazione e allo stesso tempo di rendere i polmoni più forti. Le cure sembrano avere avuto subito l’effetto sperato e in poco tempo il gatto nato senza occhi ha iniziato a sviluppare gli altri sensi. Ed è proprio grazie all’udito, l’olfatto, il tatto e il gusto che Muppet scopre il mondo; sono tutti gli altri sensi che gli permettono di vedere il mondo in modo speciale. Il gatto ha trovato anche una famiglia che si prende cura di lui e tutti sembrano essere entusiasti del modo in cui il micio affronta ogni giorno la vita.

LEGGI ANCHE: Koala senza una zampa, torna ad arrampicarsi grazie alla protesi fatta da un dentista [FOTO]

Back to top button
Privacy