Liberati a Scicli oltre 50 gatti: erano detenuti da un accumulatore seriale

Si trovavano chiusi nel garage di un abitazione privata, intervenuti gli agenti di Polizia

Sarebbero più di 50 i gatti liberati da un garage a Scicli nel ragusano. I mici erano detenuti in condizioni precarie da persone definite come accumulatori seriali. Nel caso sarebbero intervenuti gli agenti di Polizia che hanno eseguito un ordinanza emessa dal Sindaco in conseguenza a mancate misure igienico-sanitarie.

Liberati a Scicli oltre 50 gatti: erano detenuti da un accumulatore seriale

A volte chi pone gli animali in condizioni di disagio non è completamente consapevole della situazione. Questo può accadere quando, chi è intenzionato a togliere gatti o cani dalla strada, pensa di portarli all’interno della propria casa. Ma non sempre le mura domestica possono essere il giaciglio perfetto; specialmente se il numero di animali è sproporzionato rispetto alla grandezza dell’abitazione.

gatti accumulatore seriale

A Scicli, in provincia di Ragusa, sono stati liberati di recente 50 gatti rinchiusi in un garage. Nel caso sono intervenuti gli agenti di Polizia dopo un’ordinanza del Sindaco per mancate misure igienico-sanitarie. Ma non si tratta della prima volta in cui la cronaca porta alla luce un evento simile. Allora sarebbe importante capire come intervenire.

Gatti ‘vittime’ di accumulatori seriali

A detenere i gatti di Scicli era una famiglia composta da fratelli e sorelle che avrebbero confessato di essere convinti di fare il bene degli animali. Purtroppo, però, le condizioni in cui i mici sono stati trovati hanno fatto intendere il contrario. Forse non era nelle intenzioni dell’accumulatore seriale, ma difatti i mici erano ricoperti di parassiti e fortemente debilitati. A ricevere la segnalazione anche l’Enpa, dopo che i vicini avevano presentato un esposto alla Procura di Ragusa. Intervenuti sul posto Carabinieri del Nas, Polizia locale e veterinari dell’Asp; oltre a volontari Enpa e assistenti sociali. Come sarebbe giunto dalle dichiarazioni, la famiglia era convinta di salvare gli animali e solo dopo una lunga chiacchierata ha compreso che fosse più appropriato affidarli alle cure di professionisti.

gatti Scicli

Come si legge su La Zampa, la sezione Enpa di Ragusa avrebbe dichiarato: “Sono storie di fragilità e degrado, di persone che hanno bisogno di aiuto e che non si rendono conto del male che fanno agli animali. Noi ci occuperemo degli animali in primis ma continueremo ad essere di supporto anche per questa famiglia che ha evidente necessità di essere seguita. I cinquanta gatti, di cui 10 cuccioli e 9 neonati, saranno in un secondo tempo adottabili e noi troveremo per loro famiglie pronte ad accoglierli e a dargli l’amore e l’attenzione che meritano“. Difatti, dietro alla maggior parte di storie in cui si trovano, spesso, gatti, cani o altri animali ‘accumulati’ come se fossero oggetti, si trovano situazioni di degrado sociale. Proprio per questo, quando si sospetta di trovarsi difronte ad un caso di accumulazione seriale è opportuno chiedere il supporto delle forze dell’ordine. Spesso, infatti, si tratta di persone fragili che hanno bisogno di aiuto, così come gli animali che vivono in condizioni estreme insieme a loro.

gatti strada

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.