New York verso il divieto assoluto di vendita di cani

Nessun animale potrà essere più acquistato nei negozi seguendo il passo già intrapreso dalla California

A New York presto potrebbero essere chiusi tutti i negozi nei quali si vendono cani, gatti e conigli. Il divieto, già attivo in California, si potrebbe estendere anche in altri paesi. Un passo che in diversi stati è diventato legge da alcuni anni e che gli animalisti si augurano possa arrivare a toccare tutti.

New York verso il divieto assoluto di vendita di cani

Sono diversi i paesi del mondo in cui pet domestici come cani, gatti e conigli non possono essere venduti nei negozi. Presto questa legge potrebbe essere estesa anche allo stato di New York secondo l’esempio della California. Uno slancio bipartisan ha portato all’approvazione di un provvedimento che vieta la vendita.

vietata vendita cani

Si attende solo la firma del governatore Kathy Hochul il quale potrebbe stabilire in maniera definitiva se il provvedimento possa trasformarsi in legge e quindi far diventare il veto definitivo ed effettivo.

Proibire la vendita dei cani per incitare l’adozione

Alcuni paesi del mondo, sposando le cause animaliste nel rispetto dei diritti di tanti pets, hanno deciso di proibire la vendita di animali domestici nei negozi. Cani, gatti e conigli non sono più esposti in vetrina, ad esempio, in Francia, dove dal 1 gennaio 2024 sarà vietata definitamene anche la vendita. Inoltre, nello stesso paese, contro maltrattamento e sfruttamento, vietati anche gli animali nei circhi e nei parchi acquatici. Questa misura sta coinvolgendo sempre più stati nel mondo; anche la California ha approvato e reso legge questa norma e presto anche New York potrebbe diventare più pet-friendly. L’obiettivo di questo provvedimento, per il quale ormai si attende solo la firma da parte del governatore Kathy Hochul, è di incoraggiare tutti i cittadini ad adottare gli animali dai canili, dai rifugi o dai centri di accoglienza.

coniglio negozio

Scegliere di fare bene ad una creatura bisognosa d’amore e di una famiglia ed evitare di rendere i pets ‘oggetti da esposizione’ da mettere in vetrina e comprare come se si trattasse di un monile di arredamento. Come si apprende, la legge potrebbe prevedere ancora l’acquisto di cuccioli di cani, gatti, ma solo attraverso gli allevamenti. Anche in questo caso, però, saranno previste norme precise. Se, in questo secondo caso, l’obiettivo è di invitare gli acquirenti a visitare di persona le strutture, verificandone cura e affidabilità, dall’altro lato gli allevatori dovranno attenersi a condizioni precise. Da anni, infatti, sono in corso lotte che denunciano le condizioni disumane in cui sono tenuti certi allevamenti. E questa piaga interessa sia gli animali da compagnia che da cortile o fattoria.

cani allevamento

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.