Rarissimo avvoltoio di 3 metri avvistato in Abbruzzo: le ipotesi sulla provenienza

Un esemplare monaco osservato nella Valle del Sagittario di cui si erano perse le tracce in Italia nell’ultimo dopoguerra

Avvistato in Abruzzo, nei pressi della Valle del Sagittario, un rarissimo esemplare di avvoltoio monaco. Questo rapace si è estinto in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale; anche a fronte di questo fenomeno, sono state elaborate alcune ipotesi su quella che, ad oggi, appare come una misteriosa presenza. 

Rarissimo avvoltoio di 3 metri avvistato in Abbruzzo: le ipotesi sulla provenienza

Estinto, o almeno creduto tale, dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’avvoltoio monaco è tornato a planare sui cieli italiani; si tratta di un uccello ‘mastodontico‘, la sua apertura alare, infatti, supera i tre metri. È, in assoluto il rapace europeo più grande, mai conosciuto.

avvoltoio Abruzzo

Avvistato e fotografato in Abruzzo, presso la Valle del Sagittario, questa popolazione di avvoltoi oggi è ancora presente, dove è altamente tutelata, in Spagna; qui, la massiccia presenza di carnai permette che specie di rapaci, come questa, possano ancora mantenersi in vita.

L’avvoltoio monaco sopravvivenza e minacce

Quello fatto nelle ultime ore rappresenta un avvistamento davvero importante; infatti, pare che gli esemplari di avvoltoio monaco appartengano ad un programma di reintroduzione. Tuttavia, nonostante le diverse attività condotte e guidate dall’ex Corpo Forestale dello Stato, solo tre esemplari dal 2017 ad oggi sono stati avvistati in Abruzzo. Questi esemplari, estremamente affascinanti anche per la loro possente apertura alare (tre metri), si trovano insieme anche ai più comuni avvoltoi grifoni, ma la loro sopravvivenza non è resa facile; mantenimento che è condizionato, anche e soprattutto, per la loro necrofagia. Proprio per questo il recente avvistamento presso la Valle del Sagittario, fatto da due osservatori attivi nei rilievi e monitoraggi ornitologici, potrebbe dare qualche nuova speranza.

avvoltoio volo

L’avvoltoio monaco, di recente, è tornato a volare anche nei cieli della Francia e della Bulgaria; l’ipotesi che i rarissimi esemplari avvistati in Italia possano arrivare da questi paesi è alta. Tuttavia, non è da escludere che l’avvoltoio avvistato in Abbruzzo possa arrivare anche dalla Spagna; del resto gli esemplari reintrodotti sarebbero riconoscibili dagli anelli con cui sono marcati. Questi rapaci sono molto più forti del grifone e il loro becco potentissimo riesce a lacerare anche le parti di carne e pelle più dure; si servono dei movimenti dei grifoni per individuare il pasto, ma poi non hanno difficoltà a scacciare gli altri ‘avversari’. A causa però dell’avvelenamento delle carcasse, attività attualmente ancora praticata ma illegale, la loro sopravvivenza è messa a rischio. E tra le minacce di questi maestosi rapaci anche le pale gli impianti eoliche che, localizzate sui crinali montani, sono un problema soprattutto per le specie di volatili che veleggiano.

avvoltoio

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.