100 anni di Margherita Hack: il premio in sua memoria a Sara Turetta di Save the Dogs

Istituito nel 2001, il riconoscimento è indirizzato a colei che si impegna a migliorare la qualità di vita dei gatti

Il 12 giugno avrebbe compiuto 100 anni Margherita Hack. Il premio “Margherita D’Argento” istituito in suo memoria va quest’anno a Sara Turetta, Presidente di Save The Dogs. La cerimonia di consegna è in programma per il 18 giugno. 

100 anni di Margherita Hack: il premio in sua memoria a Sara Turetta di Save the Dogs
Credits: Ansa (a sinistra); LilithPhoto (a destra)

Sara Turetta, Presidente e Fondatrice di Save the Dogs and Other Animals, ottiene il premio Margherita D’Argento 2022. Giunto alla XIX edizione, la Margherita d’Argento è il riconoscimento annuale che l’Associazione Il Gattile OdV di Trieste conferisce a una donna che ama i gatti e che condivide le finalità di cura e ricovero dei randagi.  Il premio è stato istituito nel 2001 per festeggiare il compleanno, il 12 giugno, della socia fondatrice Margherita Hack. A breve, inoltre si celebrerà il centenario dalla nascita. Donna speciale oltre ad essere una celebre astrofisica era anche “gattara” e animalista. Dopo Brigitte Bardot e la scrittrice Susanna Tamaro, premiata lo scorso anno, il testimone passa a Sara Turetta. Ciascuna di loro si è infatti spesa per gli animali e per cambiare il destino dei più deboli.

Credits: Ansa (a sinistra); LilithPhoto (a destra)

Sara Turetta, chi è la Fondatrice di Save the Dongs and Other Animals vincitrice del Margherita d’Argento 2022

Sara Turetta è attivista internazionale per i diritti animali. Per il suo impegno ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui la nomina a Cavaliere della Stella d’Italia da parte del Presidente della Repubblica (2012). Il suo viaggio nel mondo dell’attivismo ha avuto inizio vent’anni fa. Sara lavorava in una prestigiosa agenzia di pubblicità a Milano. Nel 2002, però, dopo un drammatico viaggio in Romania, ha deciso di dare le dimissioni e trasferirsi a Cernavoda. Qui ha dato il via libera a progetti di gestione al randagismo con la missione di voler cambiare il destino degli animali destinati ad essere soppressi nei canili pubblici del paese.

Sara Turetta
Ansa

Da questa iniziativa è nato Save the Dogs and Other Animals. Da allora Sara si divide tra l’Italia e la Romania, occupandosi di dirigere la sede milanese dell’associazione e svolgendo attività di lobbying a livello nazionale e internazionale. In 20 anni di attività l’associazione è diventata un riferimento per la lotta al sovrappopolamento canino e felino causato dall’essere umano, da cui hanno origine sia il randagismo endemico di alcuni territori quanto l’eliminazione e la prigionia di milioni di cani e gatti nei rifugi di tutto il mondo. Il suo impegno, condotto da ormai vent’anni l’ha portata a ricevere il prestigioso riconoscimento, intitolato a Margherita Hack.

Le parole di Sara Turetta e il ricordo di Margherita Hack

“Non ho avuto la fortuna di conoscere Margherita Hack, una donna speciale, un esempio di successo e di vita vissuta nel totale rispetto verso il prossimo, umani e animali. – ha svelato Turetta, proseguendo –  Sono onorata di ricevere il premio in sua memoria e di raccogliere il testimone da queste altre due immense donne a cui sono, tra l’altro, molto legata. Brigitte Bardot, con il suo impegno in prima persona in Romania, è stata una grande fonte di ispirazione per me. Infatti, dopo aver letto delle sue battaglie per fermare il massacro dei randagi, ho deciso di trasferirmi lì perché sentivo il dovere di agire.

Margherita Hack
da catenacci – : “Nucleare: rose ‘rinnovabili’ per Margherita. La Sardegna fa gli auguri alla Hack con 97 rose, come la percentuale anti-atomo nell’isola. Pace fatta sull’atomo, impegno a favore delle rinnovabili”.
In allegato una foto con la consegna delle rose alla Hack.
Cronaca
Margherita Hack riceve un mazzo di rose dalla Regione Sardegna per il suo 89esimo compleanno
Nella foto: Margherita Hack

“Oggi collaboriamo attivamente con la Fondazione Brigitte Bardot nell’emergenza Ucraina e non solo. – prosegue Turetta, aggiungendo – Con Susanna Tamaro è nata una bella amicizia poiché condividiamo non solo l’amore sconfinato per gli animali ma la stessa visione del mondo e della vitaRingrazio Il Gattile per questo riconoscimento che è uno stimolo ad andare avanti con determinazione e tenacia”, dichiara Sara Turetta, Presidente di Save the Dogs. La consegna del premio, un’opera grafica dell’artista triestino Aldo Uberghi, avverrà il prossimo  18 giugno a Trieste presso l’Oasi Felina, Via Costalunga alle ore 17.30.

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Segui Lorenzo su Instagram
Segui Lorenzo su Facebook