La storia del coniglio Fluo, imbrattato con la vernice

Abbandonato per strada il povero animale è stato salvato da una associazione di volontari animalisti

Una volontaria ha salvato la vita di un coniglio trovato per strada e imbrattato con della vernice rossa; il fatto è accaduto a Prato e si può considerare una vero episodio di maltrattamento. A contribuire al ritrovamento dell’animale, vittima di un comportamento sconsiderato, una segnalazione telefonica.

La storia del coniglio Fluo, imbrattato con la vernice

Nei giorni scorsi una volontaria dell’associazione Earth Prato ha ritrovato un coniglio imbrattato da vernice che si trovava nei pressi di un parco giochi; l’animale era stato abbandonato per strada e al suo ritrovamento ha contribuito una segnalazione telefonica da parte di una passante.

coniglio vernice

Ad avvisare l’associazione una donna che si è accorta della presenza del coniglio spaventato; il povero animale, infatti, era circondato da un gruppo di bambini che cercavano di non farlo scappare utilizzando dei legnetti raccolti nel parco.

Il ritrovamento e il salvataggio del coniglio

Dopo la segnalazione giunta presso l’associazione di volontari Earth Prato, il povero coniglio è stato trasportato in un ambulatorio veterinario; l’animale, che oltre ad essere terrorizzato dalla presenza dei bambini che lo attorniavano aveva il pelo completamente imbrattato, ha ricevuto tutte le cure necessarie. Il coniglietto era affaticato e molto disidrato; i medici, dopo essersi accertati delle sue condizioni di salute, hanno provveduto immediatamente a tagliare il pelo verniciato. La sostanza con la quale l’animaletto era stato colorato è altamente tossica e avrebbe potuto rischiare di avvelenare il coniglietto.

coniglio bianco

I volontari hanno deciso di chiamarlo Fluo e si prenderanno cura di lui finché qualcuno non deciderà di adottarlo. Si tratta di un esemplare maschio; è un coniglio nano domestico di circa 2 anni e la sua vicenda non può che essere descritta come una vera forma di maltrattamento. Come scrive La NazioneBrenda Mormile, una delle volontarie dell’associazione che ha prestato soccorso all’animale, ha raccontato: “Abbiamo provveduto a far allontanare i bambini, chiedendo anche l’intervento dei genitori che erano seduti a chiacchierare poco più in la; ed abbiamo quindi provveduto al recupero di ‘Fluo’ in sicurezza e con tutte le precauzioni del caso. I conigli domestici sono animali molto delicati, si spaventano facilmente e possono, a volte, morire immediatamente di infarto per la paura. Inoltre sono animali molto piccoli, pesano poco più di un chilogrammo e, le percosse possono avere su di loro gravi conseguenze“.

coniglio

La volontaria, inoltre, ha tenuto a precisare che queste creature non sono adatte a vivere in natura, dove potrebbero rischiare di non sopravvivere; e augurandosi che Fluo possa presto trovare una famiglia pronta ad amarlo, Brenda Mormile conclude ricordando che, oggi, l’abbandono di animali e un vero reato perseguibile dalla legge.

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.