In Sardegna le tasse per i soggiorni utilizzate per sterilizzare i gatti

Un modo per contribuire in maniera efficace al ridimensionamento del fenomeno del randagismo

Un’idea originale che permette ai gatti di Villasimius, nel Sud della Sardegna, di ricevere la sterilizzazione; un modo per arginare il fenomeno del randagismo e tutelare i felini. Nel Comune sardo, le spese per procedere alla pratica medica sui mici saranno coperte dal gettito della tassa di soggiorno.

In Sardegna le tasse per i soggiorni utilizzate per sterilizzare i gatti

A Villasimius la spesa per la sterilizzazione dei gatti randagi verrà sostenuta grazie alle tasse dei soggiorni; questo quanto stabilito dal Comune del Sud della Sardegna che ha firmato una convenzione triennale con l’associazione animalista Lav.

Sardegna sterilizzazione gatti

Questo speciale accordo prevede che i mici randagi, che abitano nelle colonie delle città costiera, abbiano la possibilità di ricevere la pratica medica che possa proteggerli e tutelarli dall’abbattimento. La convenzione è partita nel 2020 e diversi esemplari hanno già ricevuto la sterilizzazione.

La sterilizzazione dei randagi di Villasimius

Il fenomeno del randagismo preoccupa diversi paesi, non solo in Italia ma nel mondo. Sono diversi i sistemi adoperati per arginare tale condizione e qualcuno decide misure estreme come l’abbattimento. Per opporsi alle pratiche barbare, il Comune di Villasimius in Sardegna ha firmato una convenzione con Lav attiva dal 2020. L’accordo prevede che i gatti randagi possano ricevere la sterilizzazione grazie ai finanziamenti provenienti dalle tasse di soggiorno. Grazie a questa convenzione, dal 2020 ad oggi, ci sono 25 mici randagi sterilizzati nella città costiera e per questo ultimo anno si attendono ulteriori progressi. La Lav si occuperà di presentare richiesta del riconoscimento dei mici all’Asl veterinaria, delle catture e del trasferimento nell’ambulatorio dove gli esemplari verranno dotati di microchip e sterilizzati.

gatti

Si tratta di una misura atta a tutelare gli animali che vivono in strada ed evitare la proliferazione di altri randagi. Ogni animale sterilizzato riceve, inoltre, anche un trattamento antiparassitario, prima di essere liberato vicino al luogo in cui la colonia è stanziale; lì, inoltre, saranno distribuiti dei dispenser per fornire cibo agli animali. Come si legge su La ZampaRoberto Corona, responsabile Lav Cagliari ha dichiarato: “Sempre più turisti scelgono le proprie mete tenendo conto anche dell’attenzione agli animali e del loro rispetto che incontreranno. Villasimius, gioiello turistico rinomato, è all’avanguardia e può essere un virtuoso esempio etico per tante altre località“. Il Sindaco Gianluca Dessì aggiunge: “Credo che il benessere degli animali sia un fattore decisivo anche per rendere Villasimius sempre più attrattiva; e non dimentichiamo che questo tipo di progetto ci permetterà di salvaguardare le colonie feline riducendo i rischi igienico sanitari“.

gatto

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.