Ucraina, i volontari di Odessa si mobilitano per salvare gli animali

Nonostante i rischi e i pericoli dovuti al conflitto che imperversa in Ucraina, i volontari si prodigano per aiutare gli animali rimasti soli

Il conflitto in Ucraina non è stato sufficiente a fermare i volontari, che quotidianamente si prodigano per aiutare gli animali. Nonostante i pericoli che il conflitto ha portato con sé, infatti, molti cercano di prendersi cura degli amici a quattro zampe e non solo.

Ucraina, i volontari di Odessa si mobilitano per salvare gli animali
Photo Credits @johnniezigger

Nella regione di Odessa ci si muove con il giubbotto antiproiettile e oltre ai bombardamenti la minaccia è rappresentata dalle mine disseminate sul territorio. Tutto questo però non ferma l’”esercito” di volontari che ogni giorno rischiano la propria vita, non impugnando le armi ma portando cibo e acqua ai tanti animali rimasti soli e alle migliaia di randagi che vagano in località oramai disabitate. Le foto delle grondaie trasformate in mangiatoie e fissate alle macerie delle case stanno facendo il giro del mondo. Ecco cosa sta succedendo in Ucraina.

Photo Credits @johnniezigger

Ucraina, i volontari di Odessa aiutano gli animali rimasti tra le macerie: le foto

Sono oltre 150 i volontari ucraini nel territorio che va da Izmail a Mykolaev che collaborano con Save the Dogs. L’Associazione, che ha come scopo l’abbattimento del randagismo, non ha potuto fare altrimenti, sposando la causa dell’Ucraina. Con coraggio e determinazione, i volontari portano rifornimenti di cibo a oltre 2.300 cani e 2000 gatti, spesso a poca distanza dalla linea del fronte. L’associazione, impegnata fin dall’inizio del conflitto a far arrivare gli aiuti anche agli animali in Ucraina, ogni settimana invia un carico di cibo a 11 rifugi dell’oblast di Odessa; da qui gli approvvigionamenti vengono smistati sul territorio e il mangime viene portato ai tanti randagi e animali abbandonati nelle zone più martoriate. Save the Dogs è riuscita ad oggi a mandare oltre 33 tonnellate di cibo ai rifugi di Odessa, con cui è in costante contatto, nonostante le tante difficoltà logistiche.

Photo Credits @johnniezigger

Abbiamo accolto tante richieste di aiuto arrivate da Odessa, dove stiamo collaborando con diversi rifugi dall’inizio del conflitto e siamo riusciti, tra mille difficoltà, a organizzare trasporti regolari di cibo. In questi giorni stiamo cercando di far arrivare un grosso carico a Kharkiv, una delle città più devastate dalla guerra. Vogliamo offrire un supporto continuo ai tanti rifugi che non hanno altro modo di approvvigionarsi e ai tanti volontari che sfamano – spesso rischiando la vita – i randagi e gli animali rimasti soli”, dichiara Sara Turetta, Presidente di Save the Dogs. Oltre all’impegno speso per la salvaguardia degli animali, Turetta sarà presente il prossimo 21 maggio alla Fiera Internazionale del libro di Torino.

Photo Credits @johnniezigger

Cinema e tv

Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Segui Lorenzo su Instagram
Segui Lorenzo su Facebook