Fuggita dall’Ucraina, donna arriva in Italia con i suoi 19 cani

Sono tante le storie che arrivano dal territorio afflitto dalla guerra, molte riguardano anche gli animali

La guerra in Ucraina sta procurando migliaia di profughi; delle tante persone in fuga dal conflitto molte non si separano dai loro animali domestici. Anche Liuba è una donna ucraina costretta a lasciare il suo paese; la sua fuga, però, non è avvenuta in solitaria, ma in compagnia dei suoi 19 cani.

Fuggita dall’Ucraina, donna arriva in Italia con i suoi 19 cani

Secondo quanto ha spiegato l’Ente Nazionale Protezione Animali (Enpa) Liuba avrebbe potuto salvarsi solo grazie alla fuga. Ma fuggire con i propri animali domestici comporta delle difficoltà maggiori; soprattutto se, come nel caso di questa donna, i cani che l’accompagnano sono 19.

Solo grazie ad una rete di solidarietà, che in questo caso è partita dall’Enpa, Libua è potuta scappare ai bombardamenti per arrivare in Italia salva; con lei anche tutti i suoi fedeli amici a quattro zampe con i quali ha affrontato il viaggio.

Liuba e i suoi cani in fuga dall’Ucraina

Il conflitto armato, che sta colpendo l’Ucraina dallo scorso 24 febbraio, sta generando un esodo di tante persone in fuga dalla propria terra costrette a scappare per salvarsi la vita. Sono migliaia le persone che attraversano i confini cercando asilo nei paesi limitrofi, tra cui non manca l’Italia. Molti dei profughi in fuga dalla guerra non si vogliono separare dai loro animali; e per proteggere anche queste situazioni si sono attivate delle reti di solidarietà che supportano sia i proprietari che gli animali. Infatti, oltre ai cani e i gatti che superano i confini dell’Ucraina con i loro proprietari ne esistono anche molti soli; anche per i randagi, gli animali abbandonati o quelli provenienti dai rifugi esiste una rete attiva di volontari.

cani profughi Ucraina
Rich e Amore, due cani arrivati dall’Ucraina con le loro proprietari e accolti dalla Fondazione CAVE CANEM

La situazione di Liuba sicuramente è risultata più complicata; la donna, infatti, non si voleva separare da nessuno dei suoi 19 cani. E per tutelare questa circostanza l’Enpa, attraverso la missione a Uzhorod, è riuscita a salvare la donna e i suoi cani che adesso sono in viaggio verso l’Italia. Prima dell’intervento dell’Enpa, infatti, Liuba era rimasta bloccata, poiché per fattori legati all’organizzazione avrebbe potuto mettersi in salvo con la carovana solo lasciando i suoi cani in Ucraina.

Una storia di guerra e d’amore

Per Liuba l’amore verso i suoi cani è risultato essere superiore a quello per la sua stessa vita; tanto che la donna non è riuscita ad abbandonare i suoi 19 cani (5 mastini adulti e 3 cuccioli, 10 golden retriever, 1 flat) ed è rimasta con loro, fino all’intervento di Enpa, presso il rifugio Barbos a circa 200 metri in linea d’aria dal confine slovacco e a meno di 6 chilometri dalla dogana.

cani profughi Ucraina
Cani profughi dall’Ucraina salvati al confine con la Romania. @Oipa International

Grazie alla missione Uzhorod Liuba, però, è riuscita a riprendere la sua fuga; una storia drammatica di guerra e d’amore, ma anche di solidarietà e impegno. Per Liuba e i suoi cani è prevista un’accoglienza a Perugia dove i cani saranno in osservazione sanitaria al rifugio Agrilia a Ponte Pattoli. Come scrive Leggo, Carla Rocchi, presidente Nazionale dell’Enpa ha dichiarato: “Esemplare questa donna che pur di non lasciare i suoi cani aveva in un primo momento scelto di non varcare la frontiera dopo aver già percorso oltre 1.300 chilometri tra pericoli e bombardamenti“.

LEGGI ANCHE: AIDAA, veterinari gratis per cani e gatti che arrivano dall’Ucraina

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.