NewsPrimo Piano

Morti 100 gatti in Francia: trovati nella casa di un pensionato

Una tragedia arriva da Nizza, dove sono stati scoperti i mici senza vita. Tratti in salvo venti felini

Dalla Francia arriva una notizia drammatica; 100 gatti sono stati trovati morti all’interno della casa di un pensionato. Il fatto è accaduto a Nizza, nel sud del territorio francese, questo quanto si apprende da Ansa; la notizia, diffusa solo da qualche ora, fa rifermento ad un ritrovamento avvenuto lo scorso 5 dicembre presso un’abitazione. Un centinaio i mici trovati purtroppo senza vita; con loro anche altri venti felini, vivi ma in pessime condizioni di salute.

Secondo quanto si legge sull’agenzia battuta dall’ Ansa, i corpi senza vita dei poveri gatti si trovavano riposti, per la maggior parte, in scatole di plastica o legno sigillate; una vera scena dell’orrore palesatasi dopo il ricovero del pensionato di 81 anni. A riportare i dettagli della vicenda il quotidiano francese Nice-Matin; che riporta anche le reazioni di diverse associazioni animaliste.

La drammatica scoperta oltre ai gatti

Il quotidiano francese avrebbe rivelato che a denunciare la situazione sarebbe stata la nipote del pensionato; pare che al donna abbia dato l’allerta a diverse associazioni per la difesa degli animali, dopo aver fatto la drammatica scoperta. Attorno alla casa dell’anziano e al suo interno si trovavano, inoltre, anche le spoglie di scoiattoli, topi e di un cane; oltre al centinaio di gatti tutti senza vita. Philippe Desjacques, presidente dell’associazione La Tribu du Fourmilier, avrebbe riferito alla France Presse: “Considerando la posizione in cui si trovavano, gran parte dei gatti erano già morti quando sono stati riposti all’interno delle scatole; ma pensiamo che almeno due siano stati rinchiusi vivi“.

gatti

La scena descritta si ricopre di dettagli agghiaccianti e drammatici; oltre ai corpi dei gatti senza vita rinchiusi nelle scatole, un altro micio morto si trovava anche sul divano di casa. Nonostante la situazione tragica, i veterinari e i volontari sono riusciti a salvare una ventina di mici trovati ancora vivi all’interno dell’abitazione; i felini salvati avranno bisogno di molte cure, date le loro condizioni pessime. “Purtroppo, di storie così, ce ne sono tutti gli anni“, spiega ancora Philippe Desjacques.

I media locali riferiscono che, con molta probabilità, l’anziano potrebbe soffrire della Sindrome di Noè; nello specifico si tratta di un patologia che porta le persone a raccogliere in casa più animali di quanto siano realmente in grado di ospitare e accudire. A questa patologia è probabile, inoltre, che l’uomo abbia associato anche la Sindrome di Diogene; caratterizzata dall’accumulo ossessivo compulsivo di oggetti. Secondo quando ha concluso il presidente dell’associazione La Tribu du Fourmilier, sembra che le associazioni animaliste siano intenzionate a sporgere denuncia per maltrattamenti.

LEGGI ANCHE: Il MiTe sul Piano Lupi: proteggere la specie, ma non si escludono gli abbattimenti

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy