NewsPets HealthyPrimo Piano

Indonesia, muore la cucciola di elefante senza proboscide

Non sopravvive la giovanissima pachiderma che aveva dovuto subire un intervento d'amputazione

La piccola elefantina a cui era stata amputata la proboscide non è sopravvissuta; questo quanto riportato da Ansa, in seguito alle informazioni giunte dai media internazionali. Vittima con molta probabilità di bracconaggio, la giovanissima pachiderma era rimasta imprigionata in una trappola; per salvarle la vita era stato necessario un intervento di rimozione di parte della sua proboscide. La notizia arriva dall’Indonesia e ha generato tristezza non solo nel mondo degli animalisti.

La cucciola di elefante è morta a Sumatra, solo pochi giorni dopo aver subito l’amputazione di metà della sua proboscide; operazione resasi necessaria a causa delle gravi ferite riportate. Si suppone che la trappola ‘sospetta’ fosse opera dei bracconieri; il luogo, in cui vivono alcune esemplari di pachidermi, infatti, è territorio purtroppo di bracconaggio per strappare ai poveri animali l’avorio ricavato dalle loro zanne. Una situazione tragica che mette sempre più a rischio la sopravvivenza delle creature costrette a sopportare sofferenze indescrivibili.

La triste vicenda della cucciola di elefante

L’elefantina, morta nelle ore scorse, sembra essere l’ennesima vittima di questa crudele realtà che affligge gli elefanti del Sumatra (e non solo). La cucciola di elefante si trovava da sola e gravemente ferita nel distretto di Aceh Jaya, nel nord di Sumatra in Indonesia; dopo il ritrovamento la piccola pachiderma era giunta presso il Dipartimento Provinciale di Conservazione (Bksda), dove è stata visitata. Il giovane animale riportava importanti ferite all’altezza del tronco causate da una trappola al laccio; un particolare sistema che si serve di un filo metallico ed è utilizzato dai bracconieri.

A denunciare l’accaduto, secondo quanto si apprende ancora da Ansa, Agus Arianto, responsabile della Bksda, che avrebbe aggiunto: “Dopo il ritrovamento i veterinari hanno dovuto procedere all’amputazione perché le ferite non erano curabili“. Tuttavia, probabilmente a causa del trauma e dello stress subiti, la cucciola di elefante non è riuscita a sopravvivere.

LEGGI ANCHE: Covid, non ce la fanno i tre Leopardi delle Nevi dello zoo in Nebraska

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy