NewsPrimo Piano

Addio a Ndakasi, la gorilla ‘dei selfie’ muore tra le braccia dell’uomo che l’ha cresciuta

Dal Virunga National Park del Congo il triste annuncio in un post con la foto tenera e straziante che ha fatto il giro dei social

Ndakasi era diventata famosa per gli scatti che, nel 2019, la ritraevano in posa in compagnia di una sua ‘amica’ e di un ragazzo; oggi il parco dei Virunga, nell’Est della Repubblica democratica del Congo, è in lutto per la scomparsa della gorilla. Il parco, patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1979 decretato in pericolo dal 1994, ospitava Nsakasi dal 2007, anno della sua nascita; a trovarla, quando aveva circa due mesi, un ranger che l’aveva tolta dalle braccia della madre senza vita. Da quel momento a prendersi cura della gorilla il suo ‘papà umanoAndré Bauma.

Ed è proprio tra le braccia dell’uomo che l’ha cresciuta come una figlia che la gorilla ha salutato la terra per sempre; la foto struggente dei due abbracciati insieme, pubblicata sulla pagina Facebook ufficiale del Virunga National Park, ha fatto il giro del web commuovendo il mondo intero.

I gorilla e gli altri animali minacciati dal bracconaggio

Dopo essere stata trovata al collo della madre uccisa da un bracconiere, Ndakasi era stata trasferita al Centro Senkwekwe, l’orfanotrofio per gorilla nei Virunga, aperto dal 2009. Il parco dei Virunga ospita, infatti, la più grande biodiversità africana tra elefanti, ippopotami e primati, tutti purtroppo minacciati dal bracconaggio. Tuttavia, nonostante la grave perdita subita, per oltre 11 anni la gorilla ha vissuto nel parco, tranquilla e pacifica, curata dall’amore dei suoi custodi André e Patrick Sadiki Karabaranga, insieme ad altri gorilla di montagna rimasti anch’essi orfani. Dopo essersi ammalata, le sue condizioni sono peggiorate dal 26 settembre; e così, dopo una lunga agonia Ndakasi si è spenta abbracciata all’uomo che l’aveva amata per tutta la sua vita. Come ha voluto precisare il parco, annunciando la triste scomparsa della gorilla: “È morta tra le braccia amorevoli del suo custode e amico di tutta la vita, André Bauma“.

LEGGI ANCHE: Animali nelle case degli italiani: quali sono i più diffusi

Back to top button
Privacy