NewsPrimo Piano

Due giorni di ferie per piangere la scomparsa del proprio animale

Arriva dalla Colombia e sta facendo il giro del mondo la proposta di legge per ottenere il diritto di potere onorare in maniera dignitosa la morte di un pet

Piangere la scomparsa di un caro è un diritto che dovrebbe appartenere a tutti, anche quando la creatura venuta a mancare è un animale domestico; su questo presupposto si basa la proposta di legge avanzata in Colombia che sta facendo il giro del mondo. La richiesta prevede due giorni di ferie per poter piangere in maniera dignitosa e con il dovuto dolore la perdita di una pet che ha vissuto nella famiglia come un vero membro integrante.

Il legame sentimentale tra l’uomo e gli animali domestici è sempre più importante. Di conseguenza, quando l’animale muore, si genera nell’essere umano un notevole impatto emotivo. Per questo è importante che le persone possano assumere il lutto e le sue diverse fasi, in particolare la prima fase, in un tempo e in uno spazio intimo in cui impegni o mansioni lavorative non interferiscano in questo processo di accettazione e trauma emotivo“; così Alejandro Carlos Chacón presenta il disegno di legge mostrato al Parlamento.

L’importanza delle ferie durante il lutto

Permettere a chi lavora di poter avere un permesso retribuito e potersi assentare per vivere nel modo adeguato il lutto verso il proprio animale domestico; questa la proposta di legge che prevede, tuttavia, delle specifiche. Innanzitutto, per ottenere i due giorni di ferie, il dipendente deve comunicare all’azienda che in famiglia c’è un animale domestico e, qualora l’animale venisse a mancare, spetta al proprietario dimostrare il lutto subito; in caso di truffe il dipendente potrebbe essere sanzionato dall’azienda stessa.

Presentato in questi giorni presso il Parlamento colombiano, il disegno di legge è in attesa di affrontare il suo primo dibattito in Commissione parlamentare: “Gli animali che fanno parte delle famiglie sono esseri cari e protagonisti dei nuclei familiari. Attualmente, sei famiglie su dieci hanno animali domestici. Quando un parente di prima linea (figlio, genitore, partner, fratello) muore si ha diritto a cinque giorni di ferie retribuite. Questo disegno di legge ha il grande scopo di concedere una licenza di due giorni quando l’animale è morto. Il lavoratore autonomo avrà diritto a due giorni di ferie retribuite per poter piangere il proprio animale“.

LEGGI ANCHE: Hawaii, vietati i contatti ravvicinati con i delfini: “Sono stressati”

Back to top button
Privacy