NewsPrimo Piano

Utah, lanciano pesci dagli aerei per ripopolare i laghi: l’impatto sugli animali [VIDEO]

Un espediente singolare, diffuso dagli anni '50, che non è privo di pareri sfavorevoli

Si tratta di una pratica diffusa nello Utah già dagli anni ’50; un espediente attraverso il quale lo Utah Division of Wildlife Resources ripopola di pesci i laghi. Si svolge ogni anno in un determinato periodo dell’anno che corrisponde alla seconda metà di luglio; da piccoli aeroplani vengono rilasciati nelle zone remote dello Stato americano dei piccoli pesci vivi. Lo scopo è quello di ripopolare lo specchio d’acqua, ma i dubbi sull’impatto che il lancio ad alta quota possa avere sugli animali pervade molti, specialmente gli animalisti.

Secondo quanto tiene a precisare anche lo Utah Division of Wildlife Resources, i pesci vengono lanciati insieme ad abbondanti quantitativi di acqua; in questo modo gli animali riescono a sopravvivere alla caduta e non si procurano lesioni. Un singolo volo può trasportare fino a 35mila pesci; tuttavia, il fatto che le piccole creature acquatiche siano totalmente prive di stress, sembrerebbe un fatto da non escludere a priori.

Il lancio dei pesci: una tecnica singolare

In passato i pesci erano caricati in bidoni del latte e trasportati con i cavalli nelle zone remote dello Utah. La nuova tecnica garantisce maggiore incolumità agli animali e anche meno stress, ma qualche animalista potrebbe storcere il naso. I piccoli pesci, perlopiù trote, volano a velocità elevatissime prima di impattare nelle acque gelide dei laghi e questo non può escludere rischi per gli animali. Come esplicita anche un articolo del Messaggero, nessuno può realmente sapere quanti dei pesci lanciati sopravvivano completamente illesi.

Le immagini di tutto il processo sono diffuse dallo Utah Division of Wildlife Resources; dalle pozze di allevamento i pesci sono prelevati ed inseriti in secchi e barili colmi d’acqua che vengono caricati sull’aeroplano; giunti a destinazione gli animali sono lanciati nel vuoto. Qualcuno si chiede perché questo singolare processo non sconvolga particolarmente; la risposta potrebbe arrivare dal fatto che questi animali sono destinati alla pesca, “il loro destino è comunque segnato“.

LEGGI ANCHE: Larry il gatto di Downing Street lancia un appello dopo il ‘liberi tutti’ in Inghilterra

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy