Primo PianoSalute & Beauty

Parassiti negli uccelli: quando si formano e come prevenirli

Consigli per prendersi cura dei pennuti di casa

Uno dei problemi che potrebbe colpire gli uccelli è l’attacco dei parassiti; organismi in grado di generare infezioni anche piuttosto gravi. Non solo gli animali che vivono all’aperto (come cani e gatti) sono soggetti al contatto con zecche, pulci o altri agenti esterni; la medesima sorte può toccare persino ai volatili che vivono all’interno di gabbiette e voliere. La vita domestica, infatti, non rende i pennuti immuni dall’infestazione di organismi invasivi.

Proprio per evitare che l’animale possa essere vittima di uno o più parassiti, è importante conoscerli bene e sapere come prevenirne l’attacco negli uccelli. Questi organismi possono generare, infatti, sia infezioni che infestazioni; nel primo caso il parassita si riproduce all’interno dell’ospite “designato”, nel secondo caso un organismo invaso da un parassita può contagiare un altro animale.

Come “combattere” i parassiti negli uccelli

I parassiti che possono attaccare i volatili sono diversi e possono causare patologie di intensità e gravità differenti. Oltre a pidocchi, zecche e acari, esistono parassiti che possono attaccare l’apparato gastro-intestinale degli uccelli scatenando malattie molto serie. I parassiti possono formarsi in vario modo e, a volte, poco dipende dalla cura e l’attenzione che si dedica al proprio animale domestico; altre volte, però, è possibile prevenire un attacco seguendo delle regole di base. La tecnica migliore è la somministrazione regolare di un antiparassitario, soprattutto all’inizio della primavera (poiché è con il caldo che i parassiti sono più proliferi); bene, poi, ripetere l’operazione ad ogni cambio stagione.

Tuttavia, spesso in assenza di un intervento preventivo, i parassiti potrebbe attaccare il volatile; in questo caso si potrebbe notare irrequietezza nell’animale o sintomi evidenti, come la perdita di piume in una o più zone del corpo dell’animale. In tal caso è opportuno contattare immediatamente un veterinario che saprà come agire nella maniera più opportuna.

LEGGI ANCHE: Cani e caldo: quali sono le bevande dissetanti e quali quelle assolutamente vietate

Back to top button
Privacy