NewsPrimo Piano

La tenera storia di Alita: la mamma gatta che adotta due cuccioli di cane rimasti orfani

Una vicenda dai contorni estremamente commoventi

Questa tenera storia dimostra come spesso l’amore supera i confini, in questo caso di specie. Una mamma gatta adotta due cuccioli di cane rimasti orfani. Si chiama Alita la micia amorevole, che si è presa cura dei quattro zampe appena nati; la storia arriva da Castiglion Fiorentino e a raccontare i dettagli della notizia ad, ArezzoTv, è il veterinario Alberto Brandi, protagonista indiretto di tutta la vicenda.

Il medico ha rivelato che nel suo ambulatorio era arrivata Stella, una cagnolina incinta di sei anni; le condizioni della quattro zampe era molto critiche e il veterinario confessa: “La cagnolina era ormai sotto parto da almeno un paio di giorni. Dagli esami fatti abbiamo scoperto che uno dei cuccioli che portava in grembo era morto e le aveva causato un’infezione interna“. Il dottor Brandi ha spiegato, dunque, che è stato necessario effettuare un cesareo d’urgenza, ma che la mamma non è riuscita a salvarsi.

La mamma gatta che adotta i cuccioli

La cagnolina Stella, grazie al parto cesareo, ha dato alla luce due cuccioli; ma la sua scomparsa poteva rendere difficile la sopravvivenza dei piccoli se mamma gatta non li avesse adottati. Alita è la gatta che ha vive nella stessa casa in cui abitava Stella; anche la micia aveva partorito da poco, così la proprietaria ha pensato di adagiare in due cagnolini rimasti orfani nella stessa cuccia di mamma gatta. La reazione di Alita è stata immediata, la micia infatti ha iniziato a prendersi cura dei due cuccioli orfani, allo stesso modo dei suoi gattini appena nati. La gatta ha, infatti, permesso ai due quattro zampe di attaccarsi alle sue mammamele e ha iniziato ad accudirli come fossero suoi. Il veterinario, sorpreso dalla meravigliosa vicenda ha rivelato ad ArezzoTv: “Sicuramente è un insegnamento che ci possono dare: nel momento del bisogno aiutare chi è più in difficoltà“.

LEGGI ANCHE: La storia dell’elefantessa Nania: ritrova sua madre dopo tre anni grazie al test del DNA

Back to top button
Privacy