Sindrome da iperattività nel cane: i sintomi e l’età più a rischio

L’importanza di individuare i disturbi comportamentali nei quattro zampe

Anche i cani, come gli esseri umani, possono soffrire di patologie che si legano a stati comportamentali; tale è il caso della sindrome da iperattività. In questo caso si tratta di malattie che, se non prese in tempo, potrebbero compromettere irreversibilmente le caratteristiche del quattro zampe; proprio per questo, come del resto anche per ogni disturbo clinico, è necessario saper riconoscere i sintomi e capire quando è fondamentale agire.

Sindrome da iperattività nel cane: i sintomi e l’età più a rischio

Il disturbo comportamentale dell’iperattività si riscontra, in genere, nei cuccioli; tuttavia, non è da escludere che un cane adulto, a causa di particolari eventi traumatici, possa svilupparlo ugualmente. I sintomi che si legano a questa patologia possono essere molteplici e si manifestano in svariate forme e non sempre tutti insieme. Se si presenta dopo i primi mesi di vita, potrebbe influire molto sullo sviluppo del cane; fondamentale, dunque, saper intervenire.

Cause, sintomi e cure per la sindrome dell’iperattività

La sindrome dell’iperattività si configura come una vera e propria patologia che non deve essere confusa con un’eccessiva vivacità da parte del cane. Questo disturbo si divide in due fasi; nella prima, il cucciolo non sottoposto a stimoli non attiva il suo filtro sensoriale e, quindi, risponderà agli stimoli in maniera eccessiva, non avendo imparato prima a relazionarsi con essi; nella seconda fase, il cucciolo non impara a controllare le attività motorie o l’intensità del morso. L’assenza della madre, già dai primi mesi di vita, è la causa principale dello sviluppo di questa patologia. Tra i sintomi più evidenti ci sono: saltare addosso a tutti, mordere tutto, giocare continuamente, dormire poco, ansia, agitazione e poca percezione del dolore. L’intervento di un veterinario e di uno specialista del comportamento canino sono fondamentali per curare questa malattia e trovare la terapia opportuna in grado di correggere gli atteggiamenti del cane.

LEGGI ANCHE: Coccole al cane: uno studio spiega perché è bene non esagerare

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.