Avvistamento raro in Irlanda: trovato in spiaggia un mammifero enorme [VIDEO]

Una vicenda insolita quella dell'animale che si è risvegliato su una spiaggia sconosciuta

Il viaggio interminabile di un tricheco che, dopo essersi addormentato su di un iceberg, ha percorso circa 2000 km in mare. Secondo le ricostruzioni fatte da scienziati e biologi, non è da escludere che l’animale abbia viaggiato dalla Groenlandia fino a raggiungere le coste dell’Irlanda. Protagonista dello straordinario avvistamento una bambina che ha visto il grosso esemplare sulla spiaggia; il padre della bimba avrebbe poi rivelato a IrishCentral: “All’inizio sembrava una foca, poi abbiamo visto le zanne. È saltato sulle rocce. Era enorme. Era circa la dimensione di un toro“.

Dopo l’accaduto diversi esperti sono intervenuti sul caso; Live Science avrebbe ammesso che la maggior parte dei trichechi  vivono vicino al Circolo Polare Artico, ma si arrampicano spesso sugli iceberg per riposare. Con molta probabilità questo è quanto sarebbe accaduto all’esemplare trovato nelle spiagge irlandesi. Un’addetta del salvataggio animali, intervenuta sul luogo dell’avvistamento, pare abbia dichiarato: “Sembra che questo tricheco artico abbia nuotato fino al Galles e si sia riposato sulle rocce quando sono andata a controllarlo“. Ovviamente il dubbio su come l’animale sia riuscito a compiere tutto il tragitto, rimanendo praticamente illeso, ha suscitato l’interesse di esperti e non.

Il viaggio incredibile del tricheco

L’addetta al salvataggio del tricheco, avrebbe dichiarato alla stampa locale: “Questo è un avvistamento incredibilmente raro e questi grandi e bellissimi animali di solito non si avventurano mai così a sud“. Kevin Flannery, biologo marino intervenuto sulla vicenda, avrebbe dichiarato al The Independent:Direi che si è addormentato su un iceberg ed è andato alla deriva, e poi è andato troppo lontano, nel medio Atlantico o da qualche parte così, forse al largo della Groenlandia”. Geoff Edmond, coordinatore nazionale della RSPCA per la fauna selvatica, ha ammesso: “Questo è un giorno memorabile per il team della RSPCA per la fauna selvatica. L’organizzazione è attiva da quasi 200 anni, ma credo che questa sia la nostra prima chiamata per un tricheco“. Dopo il recupero dell’animale, hanno fatto sapere che il mammifero è in buone condizioni di salute; tuttavia occorrerà un po’ di tempo affinché riacquisti tutte le forze per poter tornare libero nel suo habitat.

Exit mobile version