AddestramentoPrimo Piano

Come abituare un cane all’arrivo di un altro animale in casa: regole importanti

Quando si decide di far convivere due animali è importate tenere presenti alcuni aspetti fondamentali

La convivenza tra cane e gatto sembra essere, spesso, quella più difficile. Tuttavia esiste un modo affinché questo sia reso semplice oltre che possibile. Quando uno dei due animali è già presente in casa, magari da anni, potrebbe apparire impossibile creare un legame tra i due pet; eppure, seguendo delle regole precise, potrebbe nascere un rapporto di complicità e non conflittuale fra i due animali domestici. Ovviamente, risulta quasi scontato che il cane, già inquilino della casa, si senta destabilizzato con l’arrivo di un altro “coinquilino peloso”, ma il proprietario potrà aiutarlo a tollerare la presenza del nuovo arrivato.

Riconoscere l’odore

Quando un cane, specialmente se adulto, si trova a dover convivere con un gatto potrebbe avere attacchi di gelosia; il quattro zampe potrebbe sentire il suo equilibrio in crisi, per via della gestione degli spazi, ad esempio. Ma la convivenza tra i due animali è assolutamente possibile. Il cane potrebbe apparire in un primo momento diffidente e schivo, ma gradualmente potrebbe abituarsi alla presenza del nuovo arrivato. È importante che in questa prima fase di conoscenza, il proprietario accompagni il quattro zampe a conoscere il gatto e glielo lasci annusare, trattenendolo magari per il collare, per evitare scatti istintivi dell’animale; il proprietario dovrà rassicurare entrambi i pet e far sentire che le sue cure saranno distribuite nello stesso modo.

Abituare il cane gradualmente

Trattandosi di due animali diversi, il loro linguaggio del corpo potrebbe apparire vicendevolmente incomprensibile in un primo momento; per questo è importate che il proprietario osservi sempre con attenzione in che modo cane e gatto si relazionano. Essendo il quattro zampe quello che potrebbe trovarsi più in crisi rispetto al nuovo arrivo è bene concedergli tutto il tempo necessario per abituarsi. Importante sarà la gestione degli spazi: entrambi dovranno essere liberi di muoversi, senza invadere il territorio dell’altro. Dividere gli spazi con barriere trasparenti potrebbe essere un rimedio per concedergli spazio e lasciare che i due pet si osservino, senza danneggiarsi. È bene che ognuno degli animali abbia i suoi giochi e suoi accessori per la pappa; gradualmente il cane e il gatto potranno rimanere soli nelle stanze, ma è importante accertarsi che tra di loro si sia creato un legame o se non altro un livello di “sopportazione” reciproca.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy