Canguro Rosso, curiosità e abitudini del “re” indiscusso dell’Australia

Il Canguro Rosso è senza dubbio, insieme al Koala, uno degli animali simbolo dell'Australia

Il Canguro Rosso è il più grande marsupiale presente sulla Terra; il suo habitat naturale sono le zone aride e semiaride dell’Australia e il suo nome scientifico è Macropus Rufus. Si tratta di un animale considerato il simbolo del continente australiano. La sua capacità di assimilare tanta acqua, anche dalla vegetazione della quale si ciba, gli permette di rimanere sempre molto idratato e di vivere anche in condizioni di siccità. Si tratta di un animale noto per diverse caratteristiche che lo rendono unico e conosciuto in tutto il mondo.

I salti del Canguro Rosso sono una delle peculiarità che contraddistingue questo marsupiale; questi possono superare il metro di altezza e possono essere lunghi anche otto metri. A permettere al canguro di compiere salti così spettacolari sono gli arti posteriori, grandi e robusti e “costretti” a muoversi sempre insieme e mai indipendentemente l’uno dall’altro. Anche la coda è fondamentale per compiere il salto, inoltre essa serve anche da appoggio quando il Canguro Rosso è a riposo. Gli arti anteriori sono invece più piccoli, provvisti di cinque dita che permettono all’animale di afferrare il cibo.

Altre curiosità sul Canguro Rosso

La forma del suo corpo e i suoi salti spettacolari rendono il marsupiale un animale molto affascinante; tuttavia a queste caratteristiche particolari se ne aggiungo altre altrettanto singolari. Il Canguro Rosso presenta un elevato dismorfismo sessuale: le femmine sono più piccole del maschio e il loro pelo non è rossiccio, ma grigio con delle striature dorate. La modalità di riproduzione di questo animale lo distingue in maniera del tutto singolare; questi animali possiedono infatti una tasca addominale, il marsupio, che ha la funzione di incubatrice. Il cucciolo nasce dopo 4 o 5 settimane di gestazione, da solo arriva al marsupio e ivi rimane attaccato alla mammella della madre per almeno due mesi; dopo si staccherà dalla mammella ma rimarrà nel marsupio ancora per alcuni mesi prima di iniziare a saltare autonomamente.

Exit mobile version