AddestramentoPrimo Piano

Come maneggiare un criceto: i segreti per evitare di essere morsi

Tenere un criceto fra le mani non è un'operazione semplice, per questo è utile sapere come approcciare a questa pratica

Quando si decide di adottare un criceto come animale domestico, è bene sapere che questi roditori hanno bisogno di apprendere alcune abitudini attraverso processi di addomesticamento. Per natura un animale non è abituato al contatto con l’essere umano; di conseguenza, quando si vuole interagire con loro e maneggiarli è bene adottare delle misure precise per non incorrere in morsi o altri atteggiamenti di difesa. È importante dunque che, innanzitutto, l’animale si senta a suo agio nel suo nuovo ambiente; questo è il primo passo affinché il criceto possa stare tranquillo tra le mani di un essere umano.

Segreti utili per interagire con un criceto

Uno dei primi segreti che è bene conoscere, prima di maneggiare un criceto, è sicuramente quello di avere le mani pulite; se infatti l’animale sente odori di cibo o cosmetici, potrebbe essere più portato a mordere. In secondo luogo è importante non avvicinarsi mai di soppiatto, i criceti infatti possono diventare molto aggressivi se sono spaventati. È necessario quindi che l’animale veda bene cosa sta succedendo e che abbia tutto il tempo di annusare, preventivamente, le mani della persona. Tenere un dolce o il suo cibo preferito nel palmo, potrebbe inoltre risultare un’ottima strategia per convincere l’animale a lasciarsi sollevare. Ma in ogni caso è sempre opportuno lasciare che tutto avvenga con la massima calma e tranquillità.

Usare sempre entrambe le mani

Si tratta di piccoli roditori che per natura si mettono spesso sulla difensiva, proprio per questo tranquillizzarli è assolutamente un ottimo punto di partenza. Il criceto dovrebbe inoltre essere sollevato con entrambe le mani; con le dita di una mano sotto la pancia e l’altra a sostegno del posteriore dell’animale. Per permettere al criceto di ambientarsi nella sua nuova casa è utile lasciarlo da solo per qualche giorno, questo lo aiuterà ad alleggerire lo stato di ansia e paura legato al trasferimento; quando sarà trascorso un po’ di tempo, l’animale sarà più propenso al contatto con gli esseri umani. È bene sapere che i criceti sono animali dalla vista flebile per questo, prima di interagire con una persona, ha bisogno di abituarsi alla sua voce e al suo odore, solo così potrà instaurare un rapporto di fiducia.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy