News

Un uomo trascorre 72 ore con 72 serpenti velenosi: “Mordono solo se…”

Un'impresa che gli ha fatto guadagnare un record ma che molti hanno descritto come estremamente pericolosa

Una vicenda al limite del credibile che vede protagonista un uomo che ha pensato di trascorrere 72 ore con 72 serpenti velenosi. L’indiano Neelam Kumar Khaire ha conquistato il suo record all’età di 28 anni, quando si è chiuso per tre giorni in un recinto in compagnia dei rettili letali. Dopo la sua impresa, descritta da molti come estremamente pericolosa, in tanti sono rimasti stupiti da un aspetto in particolare: l’uomo non aveva ricevuto nemmeno un morso. A rispondere a questo misterioso quesito ci ha pensato lo stesso protagonista della vicenda.

L’ossessione per i serpenti velenosi

Neelam Kumar Khaire è un esperto di rettili ed anfibi. Come lui stesso ha raccontato alla stampa locale, nel 1980 si è voluto sottoporre a questo esperimento per dimostrare che i serpenti velenosi: “Mordono solo se provocati“. Il protagonista della vicenda ha raccontato ad India Today: “I rettili erano frequenti visitatori a casa mia, a Matheran. Odiavo uccidere creature così belle, la maggior parte di loro erano innocue. Così ho iniziato a catturarli e rilasciarli sulle colline di Sahyadri. Una volta ho catturato un serpente e l’ho portato all’Haffkin Institute di Bombay. Mi è stato detto che era velenoso e troppo rischioso per essere trasportato in questo modo. L’incidente ha aumentato il mio coraggio e così è iniziata la mia ossessione per i serpenti.

Il pericoloso esperimento

Dalle prime esperienze con i rettili letali, l’uomo si è appassionato fortemente a questi animali tanto da decidere di dedicare la sua intera vita ai serpenti (anche velenosi). E dopo aver iniziato a conoscerli in maniera approfondita, ha pensato di sottoporsi all’esperimento tra i più pericolosi mai sentiti. Tre giorni chiuso in una gabbia di vetro con 27 cobra, 24 vipere di Russell, 9 cobra binocellate, 8 kraits fasciati e 4 serpenti comuni. Nonostante qualche rettile ha pensato di arrampicarsi sul corpo di Neelam Kumar Khaire, nessuno dei serpenti pare l’abbia mai morso. Dopo aver ottenuto il record, l’uomo (con l’aiuto della Pune Municipal Corporation) ha creato il Katraj Snake Park, conosciuto poi come Rajiv Gandhi Zoological Park. Un parco, o meglio il primo orfanotrofio al mondo, dedicato a tutti i serpenti.

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy