Primo PianoSalute & Beauty

Perché al gatto trema la testa: le cause e quando preoccuparsi seriamente

Attraverso il linguaggio del corpo i gatti sono in grado di comunicare molte cose, anche stati di malessere

I felini utilizzano il linguaggio del corpo per comunicare, proprio per questo bisogna prestare attenzione quando al gatto trema la testa. In questo caso infatti il micio potrebbe avere dei problemi di salute, a volte, anche piuttosto gravi. Come si è avuto modo di specificare in diverse occasioni, ogni comportamento assunto dagli animali ha sempre un significato sul quale è sempre importante indagare. Nel caso del tremore infatti si potrebbero nascondere cause serie.

Quando il gatto è colpito da tremore, soprattutto alla testa, le cause potrebbero essere diverse. Ma considerando che dietro questo gesto si possono nascondere patologie importanti è sempre indispensabile richiedere il consulto di un veterinario. Se infatti il micio potrebbe tremare “semplicemente” perché colto da un brivido di freddo, ci sono circostanze in cui la causa è invece piuttosto seria e potrebbe interessare diverse patologie a livello neurologico. 

Possibili cause del tremore nel gatto

Oltre al freddo, a causare il tremore nel gatto possono essere diverse malattie a livello neurologico. In genere quando si tratta di una patologia, al sintomo sopracitato se ne aggiungono altri. Alcune disfunzioni si possono individuare con le analisi del sangue; proprio per questo il parere di un veterinario è assolutamente fondamentale. Nei casi più gravi, il tremore alla testa del micio potrebbe essere uno dei segnali più evidenti di uno stato di epilessia; tuttavia se si dovesse trattare di questa patologia, oltre alla testa che trema, dovrebbero registrarsi casi di fuoriuscita di schiuma dalla bocca, convulsioni, incontinenza e prurito. Oltre a cause “meno gravi” come l’età (un gatto anziano tende a tremare anche a causa del metabolismo rallentato), la stanchezza o la paura, esiste anche una patologia congenita nel gatto, che si sviluppa in fase fetale perché, per esempio, la mamma ha subito un trauma; questo disturbo è conosciuto come ipoplasia cerebellare e non crea dolore nel micio, ma solo un tremore quasi costante in piena fase di attività. Ad ogni modo, chiedere il parere di un medico è sempre il primo passo da seguire.

LEGGI ANCHE: Antibiotici ai gatti: quando è consigliato e quando evitare assolutamente

Back to top button
Privacy