Terrore a Catania, una testa spunta dal tombino: qualcosa di spaventoso tenta di uscire dalle grate

Momenti di vero terrore quelli vissuti in una strada del centro abitato di Catania. Sembra infatti che qualcosa di spaventoso sia emersa dal tombino. Una segnalazione anonima aveva per l’appunto informato i soccorsi, giunti poi  sul posto indicato, avvisandoli della presenza di una testa che si muoveva tra le grate. Secondo quanto si apprende da La Zampa, il panico tra i passanti è stato sicuramente tanto; nessuno si sarebbe mai immaginato di trovare quello che i Vigili del Fuoco locale hanno scoperto al loro arrivo.

Una presenza inaspettata e spaventosa emersa dal tombino

La vicenda arriva proprio dal centro di Catania e lo stupore per l’inquietante scoperta ha coinvolto anche i soccorsi. Sul posto sono arrivati i Carabinieri Forestali del Cites e i Vigili del Fuoco, accompagnati anche dai responsabili Pro Natura e il personale dell’Asp di Catania. Buttato forse di proposito da qualcuno che voleva liberarsene, nel tombino per le acque di scolo si trovava un grosso pitone di un metro e mezzo. Una specie sicuramente non autoctona nella città siciliana. Tanto il terrore dopo la scoperta inquietante e il primo accertamento è stato infatti volto a scoprire se il serpente fosse velenoso.

Il ritrovamento e il recupero del serpente

Secondo la ricostruzione dei fatti eseguita dopo l’accaduto, pare che il serpente stesse cercando in tutti i modi di uscire dalle grate del tombino; ma ogni tentativo era risultato vano, fino all’arrivo dei soccorsi. Secondo quanto si legge ne La Zampa, i Carabinieri Forestali del Cites hanno dichiarato: “Alla fine il rettile è uscito senza alcuna lesione, grazie anche al particolare apparato scheletrico di cui sono dotati tali animali. Lo stesso appariva mansueto e abituato ad essere maneggiato dall’uomo, il che dimostrava l’acquisizione di abitudini alla cattività dell’animale”. Probabilmente il pitone, appartenente alla specie dei costrittori e non velenoso, aveva vissuto con delle persone, fino al suo abbandono. Dopo il recupero il pitone è stato posto sotto sequestro e gli agenti informano che verrà affidato ad un bioparco.

LEGGI ANCHE: Trovato uno spaventoso serpente a due teste: una più aggressiva “minaccia” l’altra [FOTO]

Cultura, Ambiente & Pets

Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.