CuriositàPrimo Piano

Topo velenoso: l’unico al mondo che diventa letale solo quando tocca una precisa pianta [VIDEO]

Secondo i dati forniti da accurate ricerche scientifiche, pare si tratti dell’unico animale al mondo in grado di diventare letale, solo dopo essersi rotolato in una determinata sostanza tossica. Il topo dalla criniera, detto comunemente anche topo velenoso, infatti non nasce così; ma diventa tale per un insolito meccanismo di difesa. Si tratta di un roditore a pelo lungo, raro da avvistare, che vive nelle aree boscose dell’Africa occidentale. Per allontanare i predatori, questo animale, si riempie di tossine mortali su tutta la pelliccia.

Gli esperti spiegano che il topo velenoso, conosciuto con il nome scientifico di Lophiomys imhausi, è l’unico roditore velenoso al mondo. La particolarità legata a questa specie vivente è relativa al fatto che non nasce tossico, ma lo diventa dopo essersi rotolato in una pianta; con precisione, l’arbusto che trasmette il veleno al roditore è l’albero della freccia avvelenata, in grado di uccidere anche un animale dalle grosse dimensioni. Si tratta per il topo di un meccanismo di difesa, per questo la creatura si applica la tossina sui lati del corpo.

Lo strano meccanismo di difesa del topo velenoso

Sara Weinstein, ricercatrice della Smithsonian Institution e dell’Università dello Utah, ha spiegato alla stampa: “Se un cane cercasse di attaccarlo, si ammalerebbe e morirebbe“. Solo di recente i ricercatori, hanno individuato in che modo il topo velenoso diventata micidiale; in sostanza, il roditore mastica la corteccia dell’albero velenoso, mescolandola con la saliva e poi applicando la miscela sui suoi peli. Secondo quanto affermato anche da alcuni esperti di mammiferi, pare si tratti dell’unica razza al mondo che mette in atto questo insolito meccanismo di difesa. Tra i misteri ancora irrisolti tuttavia, resta il fatto inspiegabile attraverso il quale il topo velenoso, pur masticando la pianta non ne rimane avvelenato.

Video: African crested rat applies its poison

LEGGI ANCHE: “C’è un mostro a casa mia”: panico in una cucina, sopra il lavello trova un topo gigante

Back to top button