Cane randagio dipinto come una tigre: crudeltà senza limiti [FOTO]

Una vicenda che ancora indigna non solo gli animalisti più radicali ma chiunque abbia a cuore gli altri essere viventi. Lo sfortunato protagonista della storia è un cane randagio; l’animale, vittima di una crudeltà senza limiti, ha subito un maltrattamento che ha lasciato tutti sconcertati. Per il divertimento (se così si può chiamare) di alcuni vandali, il cane è stato verniciato di arancione e nero per assomigliare ad una tigre. Ma a fornire le risposte a tutto è lo sguardo del quattrozampe: triste e ferito. 

La notizia arriva ancora una volta dalla Malesia; non è infatti la prima volta che da questo Paese giunge una storia simile. Solo lo scorso anno un altro randagio era stato dipinto di verde e le immagini dei suoi occhi in lacrime avevano fatto il giro del web. Questa volta è toccata la stessa sorte ad un suo simile; a pubblicare le immagini strazianti è la Persatuan Haiwan Malaysia.

La tristezza del randagio verniciato di arancione e nero

L’atto vandalico, già sconcertante di per sé, potrebbe portare delle conseguenze molto gravi alla salute del povero animale. Respirando infatti le sostanze della vernice il randagio potrebbe avere problemi ai polmoni; ma anche il pelo del cane potrebbe avere delle gravi conseguenze irreversibili. Anche se tuttavia in questo momento ha commuovere maggiormente è l’umiliazione che il povero cane si trova costretto a subire: vagare per le strade “travestito da tigre”. Benché il maltrattamento non sia mai giustificato, in questo caso si tratta senza dubbio di un atto di cattiveria gratuita. Il randagio appare infatti docile e innocuo, carattere che ha permesso ai vandali di avvicinarsi e dipingerlo. Difronte ad un’indignazione generale, l’associazione animalista sta cercando in tutti i modi di rintracciare i colpevoli di questo atto così crudele. E per incitare chiunque sappia a parlare, l’associazione offre una ricompensa a chi fornirà informazioni utili.

Photo Credits Facebook: Persatuan Haiwan Malaysia

Commenti

comments