Le 8 curiosità più strane sulle orecchie dei gatti: non servono solo a sentire

Animali furbi, eleganti e agili, i felini hanno delle particolarità di cui non tutti sono a conoscenza. Di seguito 8 curiosità sulle orecchie dei gatti. L’organo atto principalmente a svolgere la funzione dell’udito, non serve in questo caso solo a sentire. Molti animali infatti usano i comuni organi sensoriali per esprimere o fare qualcosa in più, rispetto al tipico senso per il quale la natura le ha create. Questo è quello che succede con gli apparati uditivi dei gatti.

Dritte, “afflosciate”, a punta, arrotondate, piccole o grandi, le orecchie dei gatti svolgono diverse funzioni oltre alla più ovvia e comune dell’udito. Non solo, servono anche a comunicare qualcosa in particolare a seconda della loro posizione o del loro stato di salute.

Curiosità inaspettate sulle orecchie dei gatti

1) La prima curiosità relativa all’organo uditivo dei gatti, forse sarà sconosciuta a molti. Può sembrare stano infatti, ma i gatti nascono tutti sordi. Alla nascita il canale uditivo del felino è chiuso e si apre solo dopo circa 9 giorni. Nelle prime settimana di vita il cucciolo percepisce i suoni, ma riuscirà distinguerli completamente solo dopo il primo mese. 

2) La seconda strana curiosità è relativa ai muscoli presenti nelle orecchie dei gatti: ben 32; ciascuno dei quali utili ad identificare la provenienza del suono. Grazie alla presenza dei molteplici muscoli, I mici possono ruotare fino a 180° il loro orecchio, fino a rivelare la presenza anche di un minimo fruscio.

3) In terzo luogo, collegato alla seconda curiosità, c’è il fatto che i gatti hanno un udito fortemente sviluppato. Addirittura cinque volte più alto rispetto a quello degli uomini. Inoltre riescono a percepire due suoni che provengono da diverse direzioni. 

4) Un’ulteriore curiosità è legata alla presenza dei peli nelle orecchie dei gatti. Questi oltre a proteggerli dalle impurità permettono di indirizzare il suono all’interno dell’orecchio.

5) L’udito è importante anche nell’essere umano al fine di mantenere l’equilibrio. Nei gatti sono presenti tre canali pieni di liquido e ricoperti di peli. Questi ultimi, ad ogni movimento del fluido, inviano un messaggio al cervello del felino comunicandone il movimento. Il vestibolo invece trasmette le informazioni sulla posizione del corpo del gatto. Il vestibolo e i canali consentono dunque ai gatti di cadere in piedi, anche da “salti” molto alti.

6) Le orecchie dei gatti inoltre si puliscono da sole; quindi, mai pulirle, si potrebbero causare dei problemi gravi.

7) La settima curiosità è legata alle emozioni del gatto. A secondo di come il felino tiene le sue orecchie, si può capire se è felice o spaventato. Se sono abbassate verso la testa il micio è nervoso o spaventato, quando invece le orecchie sono erette allora il gatto è tranquillo.

8) Ed in fine l’ultima curiosità è legata alle forme differenti che le orecchie dei gatti possono assumere. Alcune razze possono avere le orecchie appiattite, altre ripiegate. Questo è dovuto alle mutazioni genetiche, che vanno ad influire sulla cartilagine dell’orecchio, comportando queste diverse e particolari forme.

Commenti

comments