Compra riso al supermercato: apre il pacco e lo trova pieno di…

Una donna compra alcune confezioni di riso al supermercato; ma una volta aperto il pacco, lo trova in condizioni disgustose. I pacchi di cereali riportavano una scadenza, come per ogni prodotto a lunga conservazione, di oltre due anni dopo dalla data d’acquisto. Eppure, una volta controllati i chicchi, il prodotto si presentava con caratteristiche simili ad un alimento scaduto da tempo. 

Le confezioni di riso erano di una nota marca della zona. Ma dopo aver acquistato il prodotto la casalinga di Biella trova qualcosa di strano nel pacco aperto.

La scoperta disgustosa nel pacco di riso

Dopo aver fatto la scoperta disgustosa la donna decide di presentarsi, con entrambi le confezioni del cereale acquistato, in caserma. Lì mostra agli agenti il riso infestato da insetti. A quel punto i militari mettono in atto le indagini. Le confezioni vengono consegnate ai Nas che attraverso analisi accurate scoprono, dopo due mesi, che il riso era pieno di parassiti infestanti. Solo in quel momento scatta la denuncia ufficiale nei confronti delle responsabili dell’azienda produttrice della confezione. A finire nei guai sono state due donne di 56 e 65 anni, accusate di: vendita di sostanze alimentari invase da parassiti, tentata frode in commercio e pericolo per la salute pubblica. Considerando infatti che entrambi i pacchi del cereale confezionato si trovavano piene di insetti, non è da escludere che le due donne sapessero in che condizioni riversava il prodotto. Non è insolito infatti trovare dei parassiti, noti anche come punteruoli, nel riso o negli altri cereali; ma questi in genere si formano quando il prodotto è esposto ad umidità in una confezione aperta. Se si trova in un pacco chiuso, allora la femmina ha depositato le uova all’interno del magazzino e non di certo dopo che il pacco è stato sigillato.

Commenti

comments