CuriositàPrimo Piano

Movimenti sospetti dai rifiuti: tra la plastica si nascondevano 4…

Colpiti da movimenti sospetti e strani rumori provenienti da un cumulo di rifiuti, fanno una scoperta pazzesca. Tra la plastica si nascondevano 4 creaturine. Pare che gli animali avessero fatto dell’immondizia la loro tana, ignari del fatto che questo potesse costargli la vita. Nati da circa un mese, a salvarli è stato un volontario del rifugio Whitby Wildlife Santcuary. L’uomo è rimasto scioccato dalla sua stessa scoperta, perché mai avrebbe immaginato di trovare quattro esemplari di quella specie in pieno centro abitato.

Il fatto è accaduto in un giardino a Yarm, nel North Yorkshire, in Inghilterra. Dopo i movimenti sospetti infatti, alcuni passanti hanno allertato i responsabili del rifugio più vicino; solo così è stato possibile salvare gli animali che, altrimenti, non sarebbero sopravvissuti.

La scoperta dai movimenti sospetti

Secondo quanto raccontato dalla fondatrice del rifugio Whitby Wildlife Santcuary, Alexandra Farmer, la scoperta (seppur incredibile) non è completamente insolita. I movimenti sospetti hanno rivelato che tra i cumuli di plastica, si nascondevano 4 ricci appena nati. La Farmer ha spiegato come in particolare due delle creaturine ritrovate, non sarebbero riusciti a salvarsi, perché intrappolati da alcuni fili di plastica.  La fondatrice racconta:

Uno dei ricci che era intrappolato nella plastica appena è stato liberato è riuscito a fare un respiro profondo. Un altro aveva della plastica attorcigliata intorno a una zampina, che era diventata così gonfia da non fare più circolare bene il sangue“.

Dopo l’esperienza pericolosa e traumatica i piccoli ricci oggi si trovano presso il rifugio; stanno bene e sono costantemente monitorati. Grazie ai movimenti sospetti è stato possibile salvare loro la vita. La responsabile del rifugio ha voluto raccontare questa storia per sottolineare quanto i rifiuti abbandonati possano risultare pericolosi per gli animali. 

LEGGI ANCHE: Avvistate in volo due enormi creature: sembrano un’aquila ed uno squalo, ma sono… [FOTO]

Francesca Perrone

Cultura, Ambiente & Pets Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura. Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.
Back to top button
Privacy