Sente una strana puzza dalla scatola di fagioli: dentro alla confezione trova un…

Una storia agghiacciante ha avuto luogo nei giorni scorsi a Vicenza. Un uomo sente una strana puzza dalla scatola di fagioli che aveva acquistato e aperta la confezione fa una scoperta sconcertante. Lo sfortunata protagonista della vicenda è un uomo di 67 anni che ha trovato una sorpresa piuttosto inaspettata all’interno del barattolo. Il pensionato aveva acquistato, insieme alla confezione incriminata, altre scatole contenenti il medesimo cibo.

I legumi in questione sono prodotti da una cooperativa della provincia di Piacenza e nessuno poteva immaginare tale scoperta. La scatola di fagioli conteneva infatti un ospite inatteso; aperta la confezione l’uomo infatti è stato subito travolto dal fetore.

La scoperta sconcertante nella scatola di fagioli

Intenzionato a mangiare i legumi acquistati, il sessantasettenne si era apprestato ad aprire la scatola. Ma una puzza travolgente lo ha subito dissuaso dal nutrirsi con quei fagioli. Tuttavia ha voluto verificare di cosa si trattasse e dentro alla confezione trova un topo morto. L’uomo ha immediatamente denunciato l’accaduto e sul caso sta indagando il Nucleo Carabinieri Antisofisticazioni e Salute di Padova. Il roditore trovato insieme al cibo in scatola era della dimensione di di 3 cm circa e gli agenti, dopo il sequestro del cibo incriminato, hanno attivato le indagini per scoprire come abbia fatto l’animale a finire tra i fagioli. Con molta probabilità gli accertamenti si sposteranno presto verso la struttura che ha prodotto i legumi in scatola. Oltre alla scoperta, sicuramente sconcertante, è necessario scoprire come sia possibile che un animale riesca ad entrare in una confezione sottovuoto e rimanerci chiuso fino alla morte. Si tratta di un caso isolato o presto le altre confezioni appartenute allo stesso scarico saranno ritirate dal commercio? Sicuramente il 67 enne non mangerà altri fagioli presto. E intanto si aspettano i risultati delle verifiche effettuate dal Nucleo Carabinieri Antisofisticazione de Salute di Padova.

Commenti

comments