Macabra scoperta, trovati i resti di un cranio: alieno o cane?

In un cantiere è stata fatta una scoperta agghiacciante. Trovati i resti di un cranio animale dalla forma inquietante. Le ipotesi sulla natura della scoperta sono sconvolgenti, e si parla perfino di una specie aliena.

I resti inquietanti sono stati rinvenuti a Napoli, in un cantiere a Melito. La scoperta risale a qualche mese fa quando, nel gennaio 2020, gli attivisti della città sono stati insospettiti da una puzza nauseabonda. Ecco allora apparire la terrificante salma in decomposizione. A prima vista un cranio dalla forma inspiegabile: muso schiacciato, occhi enormi e globi oculari molto distanziati tra loro. Anche senza essere fanatici del soprannaturale, la scoperta fa pensare davvero al ritrovamento della specie aliena.

Lo spavento per l’increscioso ‘incidente’ ha destabilizzato la comunità e l’Assessore per la tutela degli animali. Il ritrovamento di una salma del genere proprio in una delle vie più trafficate e frequentate da bambini (poiché adiacente alle scuole) non ha fatto certo piacere ai cittadini. L’intento è stato subito quello di far chiarezza sulla macabra scoperta: perché era lì ma soprattutto di cosa si tratta?

Le sembianze di un cranio alieno hanno decisamente inquietato la comunità, ma niente è come sembra. L’ipotesi più credibile, infatti, è che si tratti della carcassa di un cane, probabilmente di piccola taglia. Secondo gli esperti il cane poteva appartenere alla razza “carlina” o perfino essere un meticcio. L’idea che l’animale sia vissuto, in passato, proprio in quelle zone (un amico a quattro zampe del posto) rende meno macabra la scoperta.

LEGGI ANCHE: Sente una puzza terribile: nello scantinato trova 4 cani che…

LEGGI ANCHE: Sente una strana puzza dal forno: sotto la pizza trova un…