Invasione di ratti giganti vicinissimi ad un asilo nido a Lucca [FOTO]

Ancora invasioni di topi in Italia. Questa volta ci troviamo a Lucca e i ratti giganti, hanno invaso un campo vicinissimo ad un asilo nido a Lucca. Una quantità sconvolgente di topi, è stata avvistata nel campo confinante con l’asilo nido l’Arcobaleno di San Marco a Lucca. A dare l’allarme, sono stati i genitori dei bambini che frequentano la scuola.

Un padre infatti, sconvolto dalla vista degli animali, proprio attaccati, alla scuola frequentata da tanti bambini piccolissimi, ha segnalato il fatto. A quel punto sono intervenute le autorità di competenza e il Comune di Lucca ha quindi intimato al proprietario del un terreno di eseguire immediatamente la disinfestazione e derattizzazione. L’area adiacente all’asilo nido, risulta infatti in condizioni critiche: incolta, con rifiuti e con vegetazione spontanea.

L’intervento del Comune

L’amministrazione del Comune di Lucca, ha infatti spiegato: “Sistema Ambiente e la cooperativa La Luce che gestisce l’asilo hanno provveduto a installare nel giardino della scuola esche per la cattura dei ratti. Mentre l’ufficio edilizia scolastica del Comune ha effettuato un sopralluogo che ha escluso la presenza di aperture attraverso le quali i ratti possano entrare nell’edificio scolastico”.

Problemi per i bambini?

Ovviamente, la situazione è stata resa ancora più allarmante, dal fatto che i bambini, molto piccoli, potessero trarre qualche pericolo, dalla presenza dei ratti. Tuttavia, la salute dei bambini, pare non aver subito conseguenze. L’amministrazione di Lucca, rassicura tutti i genitori affermando che: “I bambini potranno continuare a frequentare l’asilo, senza però usare il giardino“. Proseguono poi dall’amministrazione: “Nel frattempo il nucleo ambientale della polizia municipale ha effettuato un sopralluogo, che ha accertato la presenza di numerosi ratti in un terreno privato limitrofo alla scuola”.

Le conseguenze per il proprietario del terreno invaso

Essendo la zona infestata dai ratti, un terreno privato, spetterà al proprietario dell’area provvedere alla bonifica. Il Comune di Lucca, intanto fa sapere: “Da qui l’ordinanza firmata dal sindaco, che intima al proprietario di intervenire subito. Se la proprietà non effettuerà la disinfestazione e la derattizzazione entro lunedì prossimo 28 gennaio, sarà il Comune a farlo e il privato dovrà pagare le spese sostenute dall’amministrazione comunale aumentate del 20%“.

Photo Credits Facebook

L’Italia è infestata da ratti?

Nelle ultime ore, una notizia sta sconvolgendo il Paese. Pare che sia in atto una vera e propria invasione di ratti bianchi. I presenti confermano, che ne sono stati avvistati a centinaia in giro per le strade italiane. Sembra che una moltitudine di topi bianchi e grigi, si sia riversata nelle strade del Cesenate. Inoltre, giunge conferma del fatto che molti degli animali, abbiano incontrato la morte. Diversi automobilisti, infatti li hanno trovati all’improvviso sul loro cammino e non sono stati in grado di scansarli.

Da dove arrivano?

I topi bianchi, che si sono riversati a centinaia nelle strade italiani, hanno incontrato, nei giorni scorsi, il percorso di alcuni automobilisti nella zona adiacente alla località diCapanna Guzzo, nei pressi di Cesena. Coloro che si sono trovati al cospetto del ‘fiume di topi’, confermano che si tratta di roditori dalle grosse dimensioni, di cui ancora purtroppo non è certa la provenienza. Non è chiaro infatti ancora, se si tratti di una razza indigena o autoctona.

Commenti

comments