I “no” che si devono dire a cani e gatti (e anche a noi stessi)

Dire “no” ai nostri amici a quattro zampe li aiuta a crescere e può salvar loro la vita. Da questa riflessione nasce il libro del veterinario Oscar Grazioli

Resistere a quegli occhioni dolci non è mai facile, lo sappiamo bene. Ma è bene ricordarsi che ci sono divieti che sono ben più utili per i nostri amici a 4 zampe rispetto al dargliela sempre vinta, in primis proprio per loro. Per quanto difficile, infatti, un “no” può aiutare a evitare un pericolo, a non farsi del male, perfino a salvarsi la vita. Questa riflessione emerge in modo prepotente nel nuovo libro del veterinario e giornalista Oscar Grazioli: “I no che aiutano i nostri animali”, una guida edita da Salani, leggera nei toni, utile per riconoscere tutte quelle situazioni in cui bisogna trovare la forza di resistere alle richieste, più o meno mute, dei nostri amici pelosi. Anche perché, come sottolinea l’autore, le nostre abitazioni non sono fatte a misura di animale.

La casa nasconde molte insidie per i nostri cuccioli…

Ecco perché la guida propone un vero e proprio tour virtuale della casa. Così da aiutarci a capire meglio quali sono i divieti da mettere subito in chiaro, dal soggiorno al giardino, passando per garage e balconi. Il vero pericolo, però, nasce proprio dai proprietari, troppo spesso inadeguati o semplicemente superficiali (e quindi lo stesso inadeguati, in fin dei conti) nel crescere ed educare il proprio cucciolo in casa. E quando gattini o cagnolini ti guardano con quegli occhioni languidi, scatta il classico “strappo alla regola”. Che spesso, però, ha conseguenze ben più gravi di quello che si pensa.

… ma il vero pericolo arriva dagli stessi proprietari

E se l’armadietto dei medicinali dev’essere necessariamente una zona off limits, bisogna farsi rispettare anche e soprattutto in cucina. Non tutti sanno, per esempio, che tra gli alimenti per loro tossici non ci sono solo quelli più scontati, come alcool e caffè, ma che sono molto velenosi anche due ingredienti che raramente mancano nei nostri frigoriferi: cipolla e aglio. Un bel “no” secco anche per quanto riguarda tè, cioccolato e uva. Piccoli esempi di come i divieti non possono che aiutare i nostri amici a quattro zampe, ma anche una riflessione sul fatto che ogni tanto sarebbe utile anche un bel “no” allo specchio.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments