I cani capiscono quando il proprietario piange (e cercano di consolarlo)

Un nuovo studio ha rivelato con ogni certezza quello che molti proprietari già sapevano: i cani capiscono quando il loro umano piange

È capitato a chi scrive proprio qualche giorno fa, quando un mal di schiena lancinante le ha riempito il viso di lacrime amare. Era notte e, accanto a lei, c’era solo il suo cane, piuttosto preoccupato, che le sedeva accanto e, qualche volta, le dava un bacio. Una scena che non sarà certamente nuova a chi ha la fortuna di dividere la vita e la casa con un animale. Ma, adesso, una ricerca lo comprova: i cani capiscono quando il loro umano soffre.

Lo studio su 24 cani

Lo ha rivelato uno studio condotto da Emily Sanford, della Johns Hopkins University e coordinato da Julia Meyers-Manor. Pubblicato sulla rivista Learning and Behaviour, la ricerca ha coinvolto 24 coppie cane-proprietario (gli animali erano di varie razze e taglia). L’uomo è stato chiuso in una stanza per dare l’idea al cane che fosse intrappolato. Il cane si trovava in una stanza attigua e poteva sentire la voce del suo umano. In metà dei casi al proprietario era stato chiesto di gridare aiuto e fingere di piangere; nell’altra metà dei casi il padrone doveva chiedere aiuto ma canticchiare un motivetto allegro e non piangere.

Gli animali correvano dai proprietari tristi

A quanto pare, è emerso che tutti, ma proprio tutti gli animali, alla richiesta di aiuto del proprietario, si adoperavano per aprire la porta ed entrare nella stanza da dove proveniva la voce del padrone. Ma si è visto che i cani i cui proprietari fingevano di piangere e lamentarsi sono molto più rapidi e penetrano nella stanza in meno di metà tempo degli altri, segno che il pianto del padrone toccava la loro sensibilità e li metteva subito in allerta. Secondo gli autori, questo studio contribuisce a spiegare la psicologia del migliore amico dell’uomo e il motivo per cui questi animali sono degli ottimi aiutanti in situazioni di pericolo quando si tenta di salvare vite umane.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments