Percorre 130 chilometri e poi si accorge del passeggero clandestino [FOTO]

Stavano raggiungendo la meta della vacanze ma dopo aver percorso 130 chilometri si sono accorti di avere un ospite clandestino nella loro automobile: ecco che cosa si nascondeva nel paraurti.

Percorre 130 chilometri e poi si accorge del passeggero clandestino [FOTO]

Era in viaggio durante le vacanze estive: l’automobile aveva già percorso 130 chilometri quando il proprietario ha deciso di fare una sosta per sgranchirsi le gambe. Una volta sceso dalla vettura e abbassato lo sguardo ha notato che dal suo paraurti si intravedeva qualcosa di strano: osservando nel piccolo spazio infatti si potevano vedere due occhioni che guardavano verso di lui.

Stupito dalla cosa si è subito avvicinato e qui la scoperta shock: all’interno del paraurti si era inspiegabilmente introdotto un gatto che, una volta entrato, è rimasto incastrato li dentro. “Ho notato due occhioni uscire dalla griglia anteriore della mia macchina, e non riuscivo a crederci. Non ho idea di come un gatto sia riuscito a infilarsi lì dentro”, ha raccontato l’uomo. Dopo aver scoperto questo passeggero clandestino il proprietario dell’auto ha subito allertato un’associazione che si occupa di animali in difficoltà che, una volta giunti sul posto, hanno smontato la griglia e liberato lo sfortunato micetto.

L’animale è stato subito visitato da un veterinario che ha accertato che il gatto fosse in ottima salute: “E’ stata una fortuna averlo visto. Durante una sosta sul lungo mare abbiamo abbassato lo sguardo e ci siamo accorti del povero passeggero”, ha raccontato l’uomo dopo aver percorso ben 130 chilometri con la sua automobile. Al momento non è chiaro né il modo né da quanto il gatto fosse rimasto incastrato all’interno del paraurti ma per fortuna tutto si è risolto per il meglio e il povero micetto non ha riportato nessuna conseguenza dalla brutta avventura. Ora è sano e aspetta solo di trovare una famiglia amorevole che si prenda cura di lui e lo tenga lontano dalle griglie delle automobili!

Photo Credits Facebook