NewsPrimo Piano

Tiziano Ferro contro il festival della carne di cane: l’appello [VIDEO]

Il cantante Tiziano Ferro sul proprio profilo Instagram ha fatto un accorato appello contro il terribile Festival della carne che ha luogo in una cittadiona cinese ogni 21 giugno

In occasione del solstizio d’estate, nella città cinese di Yulin viene organizzato il Dog Meat Festival. Non si tratta di un concorso di bellezza canina, ma di un evento assurdo e crudele che prevede l’uccisione di migliaia di cani che poi vengono cucinati in mezzo alla strada e mangiati nel corso della manifestazione dai partecipanti. Una follia che, come se non bastasse, ricade anche sulla salute degli uomini che vi prendono parte. Non tutti, per fortuna, stanno in silenzio: il cantante Tiziano Ferro ha deciso di approfittare della sua notorietà e ha postato su Instagram un appello contro questo orrore, aderendo alla campagna lanciata dall’Associazione Animalisti Italiani Onlus.

Le parole di Tiziano Ferro per sensibilizzare i suoi fan

Sulle pagine social dell’interprete si legge: “Ogni anno, nella festa nazionale di Yulin in Cina, più di 10.000 cani vengono brutalmente torturati e uccisi e massacrati, e a causa delle povere condizioni igieniche, più di 3.000 persone muoiono di rabbia. Animalisti italiani ed io vi chiediamo di sostenere questa iniziativa e chiediamo soprattutto all’ambasciata cinese in Italia di aiutarci a fermare questa barbarie, perché la civiltà possa regnare. Basta a questa tortura, stop Yulin“.

La risposta a questo orrore viene anche dall’Italia

La Onlus Animalisti Italiani sono anni che si batte strenuamente per far finire questo delirio e quest’anno può contare sull’appoggio di un volto molto conosciuto e non solo nel nostro Paese. Il presidente dell’associazione, Walter Caporale, ha ringraziato subito Tiziano Ferro per aver risposto con prontezza all’appello, ma non basta. L’ong organizza per oggi, giovedì 21 Giugno, dalle ore 10.30 un presidio davanti l’Ambasciata Cinese a Roma, per chiedere di fermare il festival. Con la speranza che la nostra voce si levi alta e possa essere sentita dappertutto, al fine di far terminare questo orrore.

Photo Credits Instagram

Back to top button
Privacy