Cane massacrato di botte: è diventato “brutto”. Ora nessuno vuole adottarlo

Ringhio è un cane di razza, un Labrador. Ma quando era solo un cucciolo lo hanno picchiato talmente forte che gli hanno fracassato il cranio e la mandibola. Ora crescendo è diventato brutto e nessuno vuole adottarlo

Da piccolo lo hanno picchiato così forte da rompergli cranio e mandibola. E ora che è cresciuto tutti lo trovano “strano” o addirittura “brutto”. Motivo per cui Ringhio un purissimo Labrador, non ha ancora trovato una famiglia. A raccontare la sua triste storia è stata Giovanna Riccardelli sulla sua pagina Facebook (ripresa poi da www.ilmattino.it): “Tutto deve essere successo durante le sue prime settimana di vita. Qualcosa o qualcuno gli ha letteralmente fracassato parte del muso e del cranio, dopodiché le fratture sono state ricomposte alla meno peggio e il risultato è quello che Ringhio è oggi: un Labrador con la faccia da Bulldog francese. Setto nasale fortemente deviato, mancanza di quasi tutti i denti dell’arcata superiore, cecità ad un occhio, bulbi oculari fuori dalle orbite. Poi dev’essere cresciuto e la sua famiglia deve aver pensato che il nostro povero Ringhio non assomigliava più al cucciolo che avevano comprato e che era così uguale al cane della pubblicità della carta igienica”.

Il cane è stato abbandonato

Poi Ringhio è stato abbandonato. “Dal momento dell’abbandono – prosegue la Riccardelli – la sua storia ci è nota: questo cucciolone è stato accalappiato fuori da una scuola elementare a Rocca Priora, lui alla ricerca di coccole e compagni di giochi deve aver infastidito la vista di qualche mamma benpensante. Ringhio, che è stato sottoposto a tutti gli accertamenti opportuni, dal punto di vista clinico sembra non avere nessun problema o fastidio: le ferite sono tutte rimarginate e lui si è perfettamente riadattato a questa nuova condizione. Stessa cosa vale per l’aspetto comportamentale: se, come sembra, è stato vittima di violenze, oggi deve averlo completamente rimosso. In lui sono chiare le caratteristiche del Labrador, adora le persone, ama i bambini e adora essere coccolato. È abituato al guinzaglio e ad essere trasportato in auto”.

Ha bisogno di una casa

Ringhio è vaccinato, castrato e dotato di chip, si affida in tutto il centro e nord Italia previa compilazione questionario preaffido, colloquio conoscitivo e firma sui relativi moduli di pre e post affido. Chi è interessato può contattare Giovanna Riccardelli al numero 366/2522013 o all’indirizzo [email protected]

Commenti

comments