Tre cuccioli di orso al Bioparco di Roma: ecco perché sono arrivati

Tre cuccioli d’orso hanno trovato casa al bioparco di Roma dopo mesi di sofferenze e traversie in Albania, dove sono nati e sarebbero presto morti

Tre cuccioli di orso al Bioparco di Roma: ecco perché sono arrivati

Gianni, Sam e Mary: sono questi i nomi dei tre cuccioli di orso che hanno da oggi una nuova casa al Bioparco di Roma. Due fratellini maschi e una giovane femminuccia, nati nei primi mesi del 2017 e da allora tenuti in condizioni insostenibili e intollerabili in Albania. La loro storia, però, ha un lieto fine, perché sono stati salvati grazie a una complessa operazione internazionale dalle tre associazioni Salviamo gli Orsi della Luna, Four Paws e Salviamo gli Orsi Albanesi, insieme alla Fondazione Bioparco di Roma ed in collaborazione con i Ministeri del Turismo e dell’Ambiente albanesi.

L’orrore nel loro passato, la speranza nel futuro

A svelare il drammatico passato dei tre orsacchiotti salvati è stato il presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Federico Coccìa. “In Albania gli orsi vengono strappati alle madri quando sono molto piccoli, allevati dall’uomo, tenuti al guinzaglio come cagnolini e sfruttati per foto ricordo a pagamento, oppure utilizzati per attirare clienti in ristoranti e locali. Gli animali vivono in piccole gabbie, in condizioni intollerabili, spesso senza cibo né acqua, privati di qualunque forma di benessere. Diventati adulti risultano dunque inutili, oltre che pericolosi; ovviamente non possono essere rilasciati in natura, ove soccomberebbero”.

Una casa tutta per loro in attesa di una nuova famiglia

Da oggi in poi i tre cuccioloni vivranno in un’area costruita proprio per loro accanto alla Valle degli Orsi, ricca di elementi naturali e di stimoli tali da garantire loro un elevato livello di benessere, nel pieno rispetto delle esigenze fisiologiche e comportamentali della loro specie. Nei prossimi giorni Gianni, Sam e Mary non saranno visibili al pubblico perché saranno sottoposti ai controlli veterinari e per consentire loro di ambientarsi nella nuova area. Più avanti verranno spostati in un’area più grande e vivranno insieme a una comunità di orsi, sempre qui al Bioparco. Finalmente conosceranno la loro nuova famiglia.

Photo Credits Facebook