NewsPrimo Piano

Vuole viaggiare con il suo cane: la compagnia aerea chiede una cifra record

Tenente della Guardia Costiera vuole tornare a casa con il suo cane dopo aver terminato l’incarico in Giappone: la compagnia aerea le permette di viaggiare insieme all’amico a quattro zampe ma in cambio chiede una cifra astronomica.

Jennifer McKay è un tenente della Guardia Costiera alla quale è stato affidato un incarico a Tokyo, in Giappone, circa due anni fa. Nel momento del trasferimento la donna non ha avuto nessun dubbio e ha deciso di portare con se il suo mastino inglese. Ai tempi il suo amico a quattro zampe era pressocchè un cucciolo e viaggiava in una gabbia di 45 kg, al prezzo “ragionevole” di 3.200 dollari. Dopo aver terminato la missione il tenente McKay ha deciso di tornare a casa ma la compagnia aerea stavolta le ha imposto delle diverse condizioni per far viaggiare il cane con lei.

George Jefferson, questo il nome dell’animale, ora è arrivato ad un peso di 100 kg e così la compagnia aerea alla quale si è rivolta ha chiesto alla proprietaria il pagamento di 31 mila dollari per il biglietto del cane. Una cifra da record se si pensa che questa compagnia è una tra le due opzioni disponibili per far viaggiare il cane con un volo diretto da Tokyo a Houston. Esistono infatti solo la United Airlines (quella utilizzata all’andata verso il Giappone) e la All Nippon Airways (la compagnia che ha richiesto il pagamento della cifra stronominca).

“Sono un genitore single che sta cercando di tornare a casa negli Stati Uniti con il proprio figlio e il proprio cane. Le alternative per farlo sono finanziariamente irragionevoli. La Ana (All Nippon Airways) ha detto che potevano trasportarlo, ma lo spazio richiesto è più grande di un pallet e quindi avrei dovuto pagare un extra”, ha dichiarato la McKay. Vista la cifra richiesta la donna ha deciso di rimanere per il momento in Giappone almeno finchè non troverà la soluzione adatta per tornare negli USA con la famiglia al completo: “Il mio cane è la mia famiglia e non lo lascerò indietro”.

Photo Credits Facebook

 

 

 

Back to top button
Privacy