Animali più pericolosi per l’uomo: ecco la lista che vi sorprenderà

Negli Stati Uniti è stato stilato l’elenco degli animali più pericolosi e letali per l’uomo: niente serpenti, squali o scorpioni, le specie più dannose sono quelle più vicine e impensabili…

Sembra davvero impensato eppure gli animali che per antonomasia sono considerati i più pericolosi in natura per l’uomo, non sono quelli che poi lo sono in realtà. Quando si pensa ad una specie pericolosa viengono subito in mente squali e serpenti: animali predatori nel loro habitat ma dal contatto con l’uomo molto limitato. Negli Stati Uniti d’America è stata stilata una lista dove sono state inseritte tutte le specie di animali più letali per l’uomo in base ai decessi accertati causati da animali nell’arco temporale che va dal 2008 al 2015.

Lo studio della Stanford University, pubblicato da Wilderness and Environmental Medicine, afferma che nel giro di sette anni negli Usa sono 1610 le morti causate da bovini e equini (circa il 36 % di tutte le vittime umane rilevate nel periodo). Ma come si spiega il fatto che questi animali, in apparenza totalmente innoqui per la specie umana, possano mietere così tante vittime?

Il motivo è da ricercare nel fatto che il settore agricolo in america ha la più alta percentuale di mortalità rispetto ad ogni altro settore e mucche e cavalli sono gli animali che più facilmente si trovano nelle fattorie. Gli incidenti sono all’ordine del giorno e, in particolare, è stato rilevato come le mucche da latte siano le più pericolose in quanto in questo periodo sono a stretto contatto con l’uomo. Al secondo posto dopo bovini e equini troviamo gli insetti: api e calabroni hanno causato 1,4 milioni di morti all’anno per ogni 10 milioni di abitanti. Al terzo invece i cani che con lo 0.8 risultano letali soprattutto per i bambini sono i 4 anni. Per quanto riguarda gli animali più temuti, invece, c’è da ricredersi: nel periodo considerato sono state 13 le morti causate da squali e solamente 2 i casi di persone uccise da scorpioni.

Photo Credits Facebook

 

Commenti

comments