Cani: come bisogna parlare con loro (e come no). Lo studio

Secondo i ricercatori della University of York, i nostri cani sono in grado di selezionare le parole che utilizziamo. Ecco come bisogna parlare con loro

I nostri cani ci ascoltano e sono in grado di capire quando gli parliamo. Soprattutto se ci rivolgiamo a loro utilizzando il registro vocale che adottiamo quando parliamo con i bambini, quel tono un po’ più alto del normale che a volte ci rende così ridicoli. Un linguaggio che ha anche un nome, baby-talk, che applicato ai cani diventa dog-talk.

I cani capiscono le parole

Secondo i ricercatori della University of York, che di recente hanno pubblicato sulla rivista Animal Cognition uno studio dal titolo “Who’s a good boy?! Dogs prefer naturalistic dog-directed speech”, quel particolare registro aiuta i nostri amici a 4 zampe a stabilire un contatto più completo con gli esseri umani, serve per abbattere quelle differenze che di fatto esistono tra uomo e animale. In sostanza, il modo in cui parliamo riesce a coinvolgere ed attivare di più o di meno i cani nei nostri confronti, ma non a prescindere dal contenuto.

Lo studio

Per arrivare a questa conclusione i ricercatori inglesi hanno studiato le reazioni di un gruppo di cani, messi in una stanza e “interrogati” da persone alle quali è stato chiesto di utilizzare registri diversi e alternare frasi insolite a periodi con termini che solitamente utilizziamo quando ci rivolgiamo a loro. L’idea alla base della ricerca era stabilire se i cani comprendessero il contenuto della frase o se bastasse il tono della voce per farli entrare in contatto con noi. Bene, il risultato ha dimostrato che i cuccioloni preferiscono restare più a lungo con le persone che utilizzano toni di voce alti, ma non a prescindere dal contenuto del messaggio. Nei casi in cui il tono di voce e le frasi erano state mischiate, infatti, i pelosi non mostravano alcuna preferenza. Quindi, il nostro cane non solo ci ascolta, ma è in grado anche di capire cosa gli stiamo dicendo. L’importante è rivolgersi a loro con toni più alti e con parole che loro comprendono.

Photo Credits Facebook

Commenti

comments